Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

L’ultima lezione

By pino scaccia | luglio 28, 2008

“Vorrei segnalare un video straordinario, dura dieci minuti ed è l’ultima lezione di Randy Pausch, un professore malato di cancro, che racconta il valore dell’esistenza, delle passioni e dei sogni. Detto così sembra quasi banale, in realtà va oltre ogni immaginazione. Ne hanno parlato i media, ma forse non tutti hanno avuto l’occasione di vedere questo documento, che secondo me andrebbe diffuso nelle scuole. Se vi volete bene, prendetevi 608 secondi esatti, togliete i rumori di fondo nella stanza e guardatevi questo video. Con molta attenzione. Molta, mi raccomando. Se non vi volete bene abbastanza, fatelo anche due o tre volte, ma penso che già la prima possa smuovere qualcosa.”. Enrico Fovanna Il video

Comments

comments

Topics: persone | 17 Comments »

17 risposte per “L’ultima lezione”

  1. daniela scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:35

    lo vidi all’epoca, l’ho rivisto qualche giorno fa quando ho saputo che è volato via, ha ragione la vita dovrebbe essere così, realizzare i propri sogni ma non sentirsi un fallito se non si realizzano perchè qualcosa da fare c’è sempre, e devi trovare soddisfazione anche in quello, il che non significa accontentarsi ma semplicemente capire quello che sei capace di fare per te e per gli altri.
    gli esseri umani, secondo me, sono come gli alberi, devono avere delle buone radici per crescere forti e ben saldi, e lui sicuramente le aveva.

  2. pino scaccia scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:39

    Io non l’avevo visto. Mi sono venuti i brividi.

  3. elena scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:46

    Anche io l’avevo visto: il messaggio è semplice e antico quanto il mondo, il modo di esporre è quello dei grandi accademici americani: ti catturano. Anche a me ha impressionato la dipartita di questo professore, soprattutto per l’eco che ha avuto sulla stampa mondiale. Bisognerebbe trarre degli insegnamenti da questa storia (oltre a quelli suggeriti dal prof, of course) e uno di questi è che le persone, stufe di crisi e guerre, vogliono sentire messaggi positivi, e questo è una gran cosa, perchè significa che c’è margine, spero ampio, per ricominciare a progettare un futuro migliore.

  4. pino scaccia scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:52

    Un inno alla vita così forte che davvero è una grande lezione per tutti. “Non parliamo della morte, parliamo della vita”. Mi fa venire in mente quando in qualche incontro pubblico mi presentano come inviato di guerra e io istintivamente: “Veramente io sto qui per parlare di pace”.

  5. daniela scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:57

    già, essere considerato un inviato di guerra è una una stortura, non è umano, semmai si racconta la vita e la speranza di che vive sotto i bombardamenti e sperare nella fine, quindi nella pace.

  6. pipistro scrive:
    luglio 28th, 2008 alle 22:59

    Quanto di più “definitivo” espresso con la leggerezza di una farfalla. C’è chi non è in grado di farlo neppure quando crede di essere felice.

  7. ceglieterrestre scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 00:01

    Ognuno di noi ha una sua misura.Grande lezione di vita questo filmato.
    Non finirò mai di ringraziare mio padre, il suo grande insegnamento, mi segue sepre nella mia vita, e mi porta per mano.

  8. Barba scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 06:32

    avevo visto il filmato tempo fà, sabato, quando ho saputo della sua morte, ne ho fatto un post sul mio blog. Una grande lezione di vita e di amore per la vita. Molto spesso ci accorgiamo di quanto valga solo quando stiamo per perderla ma un messaggio come quello di Pausch, il suo amore per la vita, hanno radici più profonde che la mera contingenza. Sì! grazie Randy per quello che hai saputo darci.

  9. ceglieterrestre scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 07:58

    Buongiorno, ho preso in prestito il post. Per Randy e tutti gli uomini che meritano, un ricordo.

  10. meri scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 09:27

    “Se vivi correttamente, i sogni verranno da te”.
    Grazie. prof…

  11. nupi scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 11:07

    “Trovate la vostra passione e seguitela. E se c’e’ qualcosa che ho imparato nella mia vita, e’ che non troverete la passione nelle cose e non la troverete nel denaro… la passione deve arrivare da qualcosa che vi alimenta da dentro.”

    Sarebbe bello se riuscissimo a mettere in pratica quanto il professore ci ha lasciato…

  12. ceglieterrestre scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 16:35

    La fantasia, l’amore, la passione vivono con noi , ma, abbiamo anche l’odio, la gelosia, l’invidia, la crudeltà, la pazzia. Sta solo a noi comprendere la giusta misura, e vivere serenamente, la nostra vita. Ci dobbiamo accontentare, e ci dobbiamo ricordare, che quando giungerà il nostro momento, non ci portiamo nulla con noi, tranne il nostro corpo, e dentro la nostra pelle, non c’è posto per altro. Cerchiamo di essere più buoni, e meno egoisti, lasciamo, una nostra orma positiva, lasciamo dei semi d’amore, lasciamo che altri ricordino di noi, ci vuole, solo un po’ di buonsenso.

  13. franca scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 17:10

    Stanotte,ho seguito il consiglio ,ed ho visto ed ascoltato “l’ultima lezione”,nel silenzio totale.
    La fatica del parlare ,di Randy,faceva da contraltare alla vitalità delle sue parole.
    Indimenticabile inno alla vita nei suoi aspetti più veri e quotidiani.

  14. antonella scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 18:25

    Ho appena visto il filmato.Vorrei solo dire ke su questa terra siamo solo di passaggio,quindi cerchiamo di amare di più noi stessi,il tutto porterà ad amare gli altri in ugual misura.Nn accumuliamo tesori qui sulla terra,lasceremo tutto e diventeremo polvere

  15. anna rita scrive:
    luglio 29th, 2008 alle 19:22

    Ho appena visto il filmato. E’ stupendo. In quelle parole c’è il senso della vita. Sai Pino penso che se tutti seguissero nella giusta maniera quanto detto in questo filmato il mondo nn andrebbe a rotoli, come invece accade ultimamente sempre più spesso……….

  16. nupi scrive:
    luglio 30th, 2008 alle 07:05

    La cattiveria trabocca come un bicchiere pieno d’acqua sporca,,,
    Condivido ogni parola scritta da Ceglie.

  17. Roberta scrive:
    agosto 4th, 2008 alle 22:38

    E’ incredibile come un uomo così vicino alla morte riesca a trasmettere una ventata così forte di vita. Sono stati 608 secondi di vero insegnamento. Ho sempre pensato che le persone consapevoli che il loro viaggio sulla terra è ormai alla fine riescano a capire più di chiunque altro il vero valore della vita. Sarebbe davvero bello però se noi tutti riuscissimo a capirlo molto prima di quel momento. Forse ci sarebbe più amore, più pace.

Commenti