Ricerca

Categorie

Link

Archivio di agosto, 2008

« Precedente

C’è ancora paura

domenica, 31 agosto 2008

Gori (Georgia). Come è stata, per settimane, il centro del conflitto adesso Gori è il rifugio di chi non ha piu casa o ha troppa paura per tornarci. I profughi, secondo le ultime stime dell’Onu, sono piu di 120 mila e sono destinati ad aumentare. Qui siamo nella piu grande tendopoli di Gori e la […]

Bambini

venerdì, 29 agosto 2008

Tblisi (Georgia). Un istituto per ciechi, in periferia, diventa uno dei rifugi per i profughi che continuano ad aumentare. Soprattutto bambini. Saliamo al primo piano, c’è una lezione, più che altro un intrattenimento, ci sono bambini di tutte le età. Sono quarantamila i minori georgiani sfollati, settemila quelli sotto i tre anni. L’Unicef si sta […]

Saakashvili: “Chiediamo aiuto anche all’Italia”

giovedì, 28 agosto 2008

Tblisi. Oggi ho incontrato Mickhail Saakashvili, presidente della Georgia. – L’accusano tutti di aver provocato il conflitto. Cosa risponde? “E’ falso. Noi abbiamo risposto a un’aggressione. Siamo intervenuti quando la Russia ha occupato il territorio georgiano passando dal tunnel di Roki. Era una mossa che Putin preparava da anni. Ha scatenato la nostra reazione per […]

Il gabbiano sopra Tblisi

mercoledì, 27 agosto 2008

Tblisi (Georgia). Li ho sempre visti, ogni mattina, all’inizio del viaggio verso le zone di guerra. Ma non avevo mai avuto il tempo di fermarmi. Il fiume Kura attraversa tutta la città, è un fiume particolare perchè sembra di montagna, con le pareti rocciose. In realtà attraversa tutto questo Paese di cui finora ho conosciuto […]

Tornano i venti di guerra

martedì, 26 agosto 2008

In diretta dalla Georgia. Lo scontro è soprattutto nei dintorni di Mosabruni,un piccolo villaggio al confine tra la Georgia e l’Ossezia già massacrato dalla guerra. Una terra di nessuno, nella zona di Akalgori, la nuova Gori,  di neppure tre chilometri divide i russi dai georgiani. Ma le distanze spesso si annullano, le truppe si ritrovano […]

Il Paese dove le mucche ancora attraversano la strada

martedì, 26 agosto 2008

Georgia, terra di gente semplice e di guerrieri

Enzo, quattro anni fa

lunedì, 25 agosto 2008

Tblisi (Georgia). Se i suoi sogni non si fossero interrotti in quell’incrocio maledetto, sono sicuro che adesso staremmo insieme qui a cercare di capire cosa succede in una guerra sporca e confusa, la nuova frontiera dell’odio. Quattro anni fa. Il nostro rapporto, troppo breve ma così intenso, non si è mai interrotto, mi sono sempre portato […]

Il porto di Poti è ancora assediato

domenica, 24 agosto 2008

Poti (Georgia). Siamo entrati nel porto di Poti, sul Mar Nero, ultimo motivo di conflitto fra russi e georgiani. Ecco una delle tredici navi militari affondate, metodicamente. I russi hanno lasciato il porto, ma di fatto lo assediano, bloccando tutte le merci e soprattutto ancora bloccano la ferrovia e la strada per Senaki, una delle principali […]

Gori, tutto distrutto meno la casa di Stalin

sabato, 23 agosto 2008

Gori (Georgia). Da stamattina, finalmente, Gori è tornata una città libera. I russi sono ancora vicinissimi, a neppure dieci chilometri, verso l’Ossezia del sud, mentre ancora i carri armati si muovono all’interno del territorio georgiano. Il porto di Poti è sempre occupato. Ma almeno a Gori si può cominciare a sperare in un ritorno alla […]

Si sono ritirati, forse

venerdì, 22 agosto 2008

Tblisi (Georgia). Il primo segno c’è stato: una lunga colonna di mezzi russi si è incamminata da Gori verso l’Ossezia. Mosca ha annunciato che il ritiro è completato, ma mancano ancora le verifiche. Intanto non è stato abbandonato il Paese visto che l’occupazione continua a Senaki e Poti, ma soprattutto il passo indietro deve significare […]

« Precedente