Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Quelle che tornano a casa

By pino scaccia | ottobre 31, 2008

Giulia ci ha scritto spesso da Kabul. Era in missione in Afghanistan, adesso è tornata a casa e mi sembra giusto accoglierla con i dovuti onori, come si conviene a una della tribù. Eccola felice che documenta il viaggio di ritorno.

Comments

comments

Topics: afghanistan, persone | 183 Comments »

183 risposte per “Quelle che tornano a casa”

  1. NICOL scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 17:18

    Giulia, ben tornata a casa. Penso che per una ragazza sia stato tutto piu’ difficile , ma ora e’ finita! Goditi il meritato riposo tra le profumate lenzuola del tuo lettino.

  2. Barba scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 17:46

    Bentornata a casa, nella tribù. (OT segnalo chenon riesco a vedere le immagini su facebook, mi dice “Questo contenuto non è al momento disponibile”)

  3. ceglieterrestre scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 18:20

    Ben tornata Giulia. Sicuro che porterai ancora con te, i bambini di Kabul, ricordali la sera nei tuoi pensieri, loro sono ancora lì. Un grande abbraccio.

  4. pino scaccia scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 19:56

    Uhm, forse perchè solo chi è “amico” puo visualizzare il profilo. Appena ho un secondo le riporto sul blog. Grazie Barba: “face” e’ ancora un oggetto (quasi) misterioso.

  5. Roberta scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 20:12

    Bentornata Giulia! Sono felice che anche per te sia finalmente arrivato il giorno del ritorno a casa. Immagino non sia stata un’esperienza facile…Ma spero che tu abbia buoni ricordi da questa tua prima missione. Ti manda i saluti anche il tuo vecchio collega Gianni!
    Un forte abbraccio

  6. Sheyda23 - Lorena scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 20:33

    La tua terra ti accoglie di ritorno da quel paese ferito e polveroso.
    Io ti dico che insieme a questo blog sarai una piccola finestra per “quelle che restano a casa”.Una piccola finestra sul mondo di chi parte per un mondo lontano lontano..
    Lo sarai anche per me,che vi seguo col fiato sospeso.
    Shukran,Giulia..
    Lo’

  7. latorredibabele scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 22:18

    Cambiato il link. Adesso si vedono le foto di Giulia.

  8. StellAlpina scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 22:24

    Bentornata Giulia…

    Per tanti che tornano ce ne sono ancora alcuni che restano…e altri ancora che si preparano a partire. Corsi e ricorsi… Adesso non farei mai cambio con quelle “in attesa di restare a casa”, ma farei volentieri cambio con chi ha il proprio ragazzo già tra le braccia. Mi sembra passata un’ eternità da quando scrissi quelle poche, disperate righe a Pino Scaccia, personaggio per me quasi sconosciuto. Era il grande giornalista Scaccia ed io da lui cercai conforto e rassicurazioni. Ricordo che mi disse “stai tranquilla, lì sono seguiti da persone competenti, anche a livello psicologico”. Adesso, dopo più di 5 mesi, nutro dei forti dubbi a riguardo, ma non importa, perchè manca poco e più giorni passano più la fine del tunnel si avvicina. Ho trovato ciò che cercavo ed ora per me quel personaggio è Pino e basta, un “virtual friend”. Mancano pochi giorni, mi sento rimbambita ed esausta. Non riesco ancora a capire quali sentimenti provo, non per lui. Lo amo, ci mancherebbe, ma per la situazione nel complesso. Vabbè, non fateci caso. Oggi è stata davvero una giornataccia! E per scongiurare il pericolo di una serata deprimente mi sono data alle pulizie, mentre tutta la casa tace, impegnata a dormire, ovviamente!
    Buona notte a tutti.

  9. franca scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 23:11

    Un affettuoso bentornata a Giulia.
    Affettuoso,perchè mio figlio, l’ha conosciuta a Camp Invicta.

  10. StellAlpina scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 23:32

    Pino, ma stai pensando alla parata che ci sarà a L’ Aquila per il rientro dei nostri alpini? Io ti ho già preparato il cartellone…

  11. pino scaccia scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 23:35

    Mi sa che con tutti i cartelloni che girano in questi giorni a Roma sarà complicato…

    (in ogni caso ti prenoto fin d’ora le foto: ti nomino cronista sul campo)

  12. StellAlpina scrive:
    ottobre 31st, 2008 alle 23:38

    Ok. Mi impegnerò per esserci e per documentare la cerimonia. Ma conto su una sorpresa… 😉

  13. ceglieterrestre scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 10:04

    Ciao Giulia, sei una bellissima ragazza, ma per il mio carattere non riesco a vedermi vestita da militare. Il mondo è cambiato! nella mia mente ci sono immagini differenti, amo i fiori, al posto del tuo mitra ho messo un bel mazzo di fiori di campo.Un caro saluto franca

    Fiori
    Ho trovato in un
    profumato
    bianco roseto
    il tuo amore puro.
    Ho trovato in un prato
    di piccole bianche
    margherite
    la tua bontà d’animo.
    Ho trovato in un campo
    di papaveri rossi
    il tuo profondo oblio.
    Ho trovato in un ramo
    di orchidee selvatiche
    la tua infinita sensulità.
    Insieme a te,
    per perdermi nel colore,
    nel profumo,
    nella bellezza dei fiori.

    Questo scritto è dedicato a tutte le persone che amano e rispettano la natura. Franca Bassi

  14. Barba scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 11:31

    Ha un sorriso dolce la nostra Giulia ma di sicuro ha, nascoste, le “ugne di leonessa”

  15. Giulia scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 18:55

    Sono commossa dalle vostre parole….non mi aspettavo un tale calore!!! Vi ringrazio tutti, uno per uno, siete stati veramente splendidi…
    PS: Per Franca, davvero tuo figlio stava lì a Camp Invicta? Chissà magari l’ho conosciuto!

    Un grande abbraccio a tutti voi, vi lascio una poesia…

    Io sono stato quello che gli
    altri non volevano essere.
    Io sono andato dove gli
    altri non volevano andare.
    Io ho fatto ciò che gli altri
    non volevano fare.
    Io non ho preteso niente
    da quelli che non sanno dare.
    Con rabbia ho accettato di
    essere criticato come se avessi
    commesso un sbaglio ad
    accettare il mio dovere.
    Ho visto il volto del terrore
    ed ho sentito il freddo morso
    della paura.
    Ho gioito per il dolce gusto
    di dare un momento d’amore.
    Ho pianto, ho sofferto e ho
    sperato…. ma più di tutto,
    ho vissuto quei momenti che
    gli altri dicono sia meglio
    dimenticare.
    Rientrato in patria agli altri
    Potrò dire che sono orgoglioso
    Per tutto quello che sono
    Stato….un Soldato.

  16. franca scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:02

    Giulia,me lo ha detto lui,dopo aver letto del tuo rientro.
    Hai perso il tuo stretch a Kabul?

  17. Giulia scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:24

    no no, nn ho perso lo scratch….ma lui sta al nono alpini o è d qualche altro reparto?

  18. franca scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:28

    E’ Carabiniere.7 °T.A.A.

  19. Carmen scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:29

    Ciao Giulia! ben tornata! tu e Nicola siete stati i nostri testimoni sul campo! così grazie a voi abbiamo compreso meglio cosa provano i nostri ragazzi laggiù… un abbraccio!

  20. franca scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:36

    Carmen,come procede “la festa del rientro”?

  21. Giulia scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:39

    Franca, ma chi è tuo figlio alessandro per caso????

  22. Carmen scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:52

    Ciao Franca! ormai le sue ferie sono pure finite e lunedi torna al lavoro. Non è che abbiam fatto tutta sta festa anche perchè sono stata impegnata col lavoro, ma averlo vicino è davvero un’altra cosa!

  23. franca scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:52

    Si

  24. Carmen scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 19:57

    Giulia tu invece fino a quando sarai in ferie? è probabile fino a natale?

  25. StellAlpina scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 20:42

    A volte tornano…

  26. StellAlpina scrive:
    novembre 1st, 2008 alle 21:10

    Mi riferivo a Carmen ovviamente, un po’ sparita dalla circolazione.

  27. Carmen scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 00:07

    no Stella ci sono sempre! oggi ho provato a contattarti ma forse non eri al computer… sei alle prese con i preparativi?!

  28. StellAlpina scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 00:37

    No, Carmen, i preparativi non sono ancora iniziati perchè voglio essere ancora cauta. Sai com’è…prevenire è meglio che curare. E ancora non ci credo che siano passati più di 5 mesi e che questo incubo sta per finire!

  29. Giulia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 01:48

    carmen io tornerò a lavoro il 17 per le famose cerimonie, non è che abbia molta voglia perchè ora voglio godermi i miei affetti..,comunque poi dovrei stare fino a gennaio a casa…vedremo!

  30. StellAlpina scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 12:48

    Giulia, ma la cerimonia non sarà il 17, vero?

  31. marghe scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 14:53

    Ciao a tutte!
    Bentornata a casa Giulia!!
    Ho visto le due foto pubblicate… ma quella in cui sei con il cane… è un cane dei cinofili?
    Perchè il mio ragazzo è nei cinofili.. e secondo me quel cane nero penso sia Clif!

  32. Giulia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:05

    No però sarà in quella settimana

  33. Carmen scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:08

    Stella credo che la cerimonia sia proprio il 17. Ma da quanto ha scritto Giulia forse ce ne saranno diverse? O forse non si sa bene ancora…

  34. Giulia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:15

    no nn è il 17 fidatevi….noi rientriamo il 17 proprio per prepararci alla cerimonia…che poi ne sn due…una in piazza e una in caserma.

  35. Carmen scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:25

    Ah ecco! si infatti il mio ragazzo mi aveva parlato della cerimonia in piazza e in caserma, però non sa ancora il giorno.
    Giulia ma per te è stata la prima esperienza come missione all’estero? cosa hai provato?

  36. StellAlpina scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:32

    Giulia, secondo te quale sarà l’ orario approssimativo della cerimonia?

  37. pino scaccia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:35

    Povera Giulia…. E’ circondata!

  38. StellAlpina scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:39

    Infatti la stiamo massacrando di domande…ma stando sul campo (italiano) credo sia più informata.
    Forse la cerimonia è il 20 allora…

  39. Carmen scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:42

    Finalmente un’ alpina tra mezze alpine…

  40. Giulia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 15:47

    ragazze appena saprò dirvi la data della cerimonia ve lo dirò…naturalmente ve lo diranno anche i vostri ragazzi:)

    X marghe: il cane si chiama MAX :)
    X Carmen: si è la mia prima missione…sono abbastanza giovane e sto nell’esercito da meno di due anni…cosa ho provato? migliaia di sensazioni diverse…indescrivibili!

  41. Carmen scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 17:40

    Immagino! poi per una ragazza non sarà stato facile soprattutto dal punto di vista emotivo! sicuramente sarai stata colpita da tante cose che noi qua non abbiamo potuto vedere in modo diretto…

  42. StellAlpina scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 19:43

    KABUL, 2 NOV – Cinque soldati afghani sono stati feriti dal ‘fuoco amico’ di militari della Nato, che li hanno presi per ribelli,in Afghanistan orientale. L’Isaf ha reso noto che ‘i soldati afghani erano di pattuglia nella provincia di Kunar, vicino a una postazione dell’Isaf. I soldati Nato hanno aperto il fuoco credendo di avere a che fare con dei ribelli. Cinque soldati afghani sono stati feriti’. Il ministero della Difesa afghano ha condannato l’incidente, definendolo ‘inaccettabile’.

    Anche se molti dei nostri militari sono rientrati e molti altri sono ancora lì, non dimentichiamo che lì la situazione continua a peggiorare.
    Meri!!! Ma quando ti fai viva!!!

  43. Giulia scrive:
    novembre 2nd, 2008 alle 23:55

    Certamente rimani colpita da una realtà che non ti appartiene, completamente diversa dalla tua e che pian piano che passa il tempo, ti fagocita e ti inizia a stare stretta…è difficile vedere bambini malati, gente che soffre, persone che non hanno assolutamente niente e che quando ti vedono sgranano gli occhi, osservandoti con stupore frammisto a invidia e talvolta a sdegno…per esempio io un giorno stavo fumando e un bambino mi disse: “Tu sei donna, non fumare, a Kabul donne non fumare”….questo per dire anche che fin da piccoli i bambini vengono inquadrati sotto una certa mentalità molto rigida….e questo era solo un aneddoto….io non ho visto quasi niente, quello che c’è fuori è un mondo a parte che io ho conosciuto solo tramite le fotografie, i video e i racconti di colleghi/e che uscivano per pattuglie o delivery….vi assicuro che è un’esperienza che segna….

  44. Ale scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 01:02

    Giulia, scusa, non ti conosco, e giacchè ci sto ti dico bentornata anch’io… ma i bambini che dicono “donne a kabul non fumare” li trovo splendidi e tenerissimi! Non perchè sia Kabul… ma per la loro purezza…senza parole. Sì, non dovremmo neanche fumare, per loro oltre che per noi. Cioè non solo per un discorso di salute, ma per ciò che implica il vizio… Chiaro che è difficile. Sarà che li adoro, adoro i bambini… che sono più saggi di noi. Non sono affatto rigidi, sono spontanei… io li trovo così. E ci indicano la strada, sacrificandosi per noi, anche. E che Sacrificio. Magari prima o poi riusciremo a imparare. Ciao.

  45. marghe scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 09:10

    mi piacerebbe tanto vedere la cerimonia! cosi vi potrei conoscere tutte!Ma se venissi… cmq sarei da sola.. perchè il mio ragazzo per quel giorno ancora non sarà rientrato!!
    :-(

  46. Giuseppe scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 10:03

    Ciao Giulia, bentornata a casa, anch’io ho un familiare al 9 alpini all’aquila e attualmente ancora in missione, è quasi finita e non vedo l’ora di riabbracciarlo.
    Ma il ragazzo che si vede alle tue spalle nell’aereo, quello con i capelli rasati lo conosci?
    Fammi sapere presto. ciao e buon riposo, ci vediamo all’aquila presto

    p.s. Un saluto a tutti voi e spero di vedervi dal vivo presto e di conoscervi

  47. Carmen scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 10:59

    Anche a me piacerebbe esserci alla cerimonia a L’Aquila ma sarà difficile col lavoro… poi dopo il forfait di Pino… spero che ci sarà modo comunque di conoscverci dal vivo!

  48. mati scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 12:07

    ciao giulia………. sono capitata per caso su questo sito … ho letto i tuoi commenti e quelli di chi deve aspettare ancora il rientro del proprio ragazzo ..come me….lui è partito il 25 ottobre..per kabul….

  49. StellAlpina scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 13:59

    Ma che date tutti buca?!?!?!
    Giuseppe, bentornato tra chi, come me, ancora attende, dopo 5 mesi e mezzo ormai!

  50. Giulia scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 14:13

    Ale, il discorso del bambino che mi ha detto di non fumare è perchè nella loro cultura, alla donna è fatto divieto di fumare, di scoprirsi il volto, di fare tante altre cose….per loro una donna come me che fuma è una vergogna….se poi mi avessero visto bere una birra non te lo dico proprio…..e questo vale anche per gli uomini, molti ti guardano storto perchè sei donna e vesti una divisa….per loro la donna è solo un oggetto da possedere, che al finale vale meno di niente….

  51. Giuseppe scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 15:04

    X stellaAlpina

    Mi sa che i nostri cari rientrano insieme e mi sa che si conoscono pure.
    A presto e se tutto va bene ci vediamo all’aquila alla loro uscita dalla caserma.

  52. Meri scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 15:30

    La polizia afghana sta indagando sul rapimento, nella mattinata di lunedi, di un impiegato francese di una organizzazione umanitaria. L’uomo, Dany Egretau, 32 anni, è stato bloccato mentre camminava a piedi in un quartiere residenziale di Kabul. Un afghano intervenuto in suo soccorso, secondo alcune fonti un agente dei servizi di sicurezza, è stato ucciso dai rapitori.

    Il nuovo sequestro, che accresce la sensazione di insicurezza tra gli occidentali, segue di pochi giorni l’uccisione di un uomo d’affari britannico e di un cittadino sudafricano.

    Due settimane fa era stata uccisa anche una cittadina britannica che lavorava per una organizzazione umanitaria.

    I taleban hanno finora rivendicato numerosi rapimenti di cittadini stranieri, ma nel paese sono operanti anche gruppi criminali specializzati in sequestri a scopo d’estorsione. (Euronews)

    Stellì, è un periodo frenetico e difficile questo per me… quando penso che tutti i problemi siano risolti (te sai di cosa parlo), ne spuntano altri. “Loro” credono di fiaccarmi ma non mi conoscono, dopo un primo momento di scoramento, riprendo più agguerrita di prima…
    Ti abbraccio e scusami…. un saluto affettuoso anche a Franca…

  53. NICOL scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 18:27

    Domani, forse, qualcosa cambiera’!!!
    Io lo spero tanto.

  54. StellAlpina scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 21:46

    Giuseppe, io non lo aspetterò fuori dalla caserma perchè il suo viaggio sarà molto lungo e non ho idea dell’ orario di arrivo a L’ Aquila. Lo raggiungerò dopo…

  55. Giulia scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 22:11

    Stella il tuo ragazzo farà tt volo militare?
    perchè altrimenti arriva verso le 4 d mattina in caserma…come del resto ho fatto io…che viaggio da incubo!!!!

  56. StellAlpina scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 22:25

    A quanto ho capito sì, fino a Pisa. Poi ci sarà il viaggio per L’ Aquila.

  57. Giuseppe scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 22:38

    Si si Stella Alpina, allora si conoscono, anche mio fratello arriva a Pisa e poi vanno a L’aquila.
    A presto allora e dai che altri pochi giorni so e ci lasciamo tutto alle spalle, senza dimenticare però chi è parte, chi è rimasto e anche chi la ci vive.
    a presto

  58. Ale scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 22:48

    Sì Giulia in effetti…poi avevo capito… Ma non era una specie di “appunto” da parte mia è… non far caso, a certe sensazioni notturne.. seppur dolci, (ma drammatiche) in quel caso, perchè mi ero subito immaginata un bambino denutrito che dice “donna a kabul non fumare”.. e non so come dire, mi ha fatto un effetto strano.
    Ma tu intendevi il discorso “donna”, ho capito.
    So, se ne parla spesso… dei loro ‘costumi’, lo so.
    Ok, te lo volevo solo dire, e a te tanti tanti in bocca al lupo di vero cuore. Ho visto pure le tue foto, e sei proprio carina!! :)))
    Ciao.

  59. Giulia scrive:
    novembre 3rd, 2008 alle 23:40

    Stella allora se fanno tutto volo con il C130 arriveranno credo in mattinata a l’aquila, perchè nn so quanto ci si mette da pisa con i mezzi….poveracci nn vorrei essere nei loro panni…il volo militare è una cosa indescrivibile…un vero e proprio incubo…se poi uno soffre un po’ di stomaco….lasciamo perdere proprio!!!!
    Io grazie a dio me la sono scampata a sto giro…anche se ho avuto la febbre durante il viaggio di ritorno….

    Per Ale: i bambini di Kabul sono un’immagine ricorrente nella mia mente….ogni volta che guardo le foto mi si stringe il cuore….e avrei voluto tanto stringerli e abbracciarli uno per uno, solo per fargli sentire un po’ di quel calore che non sanno nemmeno cosa sia….

  60. seby scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 08:26

    Stella io ci saro’ alla cerimonia… ma stai preparando qualc’osa? confido in te!! io non posso mica arrivare da Catania con striscioni e cartelloni mi prenderebbero per pazza all’aereoporto!! ben tornata Giulia..

  61. NyFrigg scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 08:50

    @Giulia: grazie e auguri!

  62. Giuseppe scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 09:34

    Stella alpina, si sono ancora tra quelli che aspettano, ma porto pazienza così come l’ho portata in questi mesi, è passato così tanto tempo. Cerco di dar forza a tutti i familiari che aspettano e che aspetteranno in futuro, tanta forza e tanto coraggio.

    Mi raccomando per il rientro a tutti, non date buca!!!

  63. franca scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 10:45

    Oggi, festa dell’unità nazionale e giornata delle forze armate.
    Un auspicio.
    A noi italiani di sentirci sempre pìù nazione.
    Alle nostre forze armate…che siano meno armate e più di PACE.

  64. Giulia scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 15:48

    Le armi sono un di più….e ti assicuro che un vero SOLDATO sà benissimo quando usare e quando non usare la sua arma….la pace si costruisce in mille modi, anche se in paesi dove c’è ignoranza e odio è difficile…

  65. StellAlpina scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 17:22

    Ah (sospiro)…sfigati fino alla fine! (potevo dirla questa parola?!)

  66. StellAlpina scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 17:30

    NOTIZIA
    Pubblicato un rapporto dell’esercito Usa secondo cui nell’attacco di Wanat lo scorso 13 luglio i talebani approfittarono dell’appogio di due ufficiali afgani.
    Un’indagine interna dell’esercito statunitense ha scoperto che il capo della polizia locale afgana e un altro leader regionale hanno aiutato i talebani nell’attacco del 13 luglio scorso a Wanat, dove 9 soldati Usa persero la vita.

    Soldati Usa a WanatL’esercito afgano e americano avevano cominciato a costruire l’avamposto solo cinque giorni prima dell’attacco e più volte gli abitanti del villaggio li avevano avvertiti che i talebani li avrebbero attaccati. L’assalto da parte dei guerriglieri vide coinvolti circa 200 talebani, un numero tre volte superiore a quello dei soldati di stanza a Wanat. A sostegno delle prove di collusione tra talebani e ufficiali di polizia, il rapporto, di 44 pagine, cita il gran numero di armi e munizioni ritrovate nella caserma della polizia nel villaggio di Wanat. All’interno della caserma prestano servizio solo 20 uomini e la quantità di armi presenti nell’armeria era ben superiore a quella necessaria per gli effettivi presenti. Inoltre, le armi erano sporche e, apparentemente, usate di recente. L’attacco alla postazione di Wanat ha causato una delle più gravi perdite per l’esercito americano sin da quando, nel 2001, gli Usa hanno invaso l’Afghanistan.

  67. NICOL scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 17:37

    Perche’ cosa e’ successo?

  68. StellAlpina scrive:
    novembre 4th, 2008 alle 20:59

    La notizia si riferisce ad un episodio accaduto lo scorso luglio. Certo è che se adesso bisogna preoccuparsi anche degli ufficiali afghani che scendono a patti con i talebani… E mi viene la rabbia di dire: i nostri ragazzi sono l a rischiare la vita per aiutarli e loro così li ripagano?!

  69. meri scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 09:08

    Secondo la testimonianza degli abitanti di un villaggio afgano, un raid aereo ha colpito i partecipanti a una festa di matrimonio, uccidendo numerose persone; fra le vittime molte donne e bambini. I feriti sono stati trasportati nell’ospedale di Kandahar. I militari americani sostengono di non avere informazioni sull’incidente.

    Il presidente afgano Hamid Karzai, nel discorso di congratulazioni per la vittoria di Barack Obama, ha fatto un accenno all’episodio, parlando di vittime civili di un raid aereo nel distretto di Shah Wali Kot, provincia di Kandahar. Non ha specificato il numero delle vittime.

  70. meri scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 15:41

    Wech Baghtu (Afghanistan), 5 nov. (Ap) – Il comando militare americano in Afghanistan ha avviato un’inchiesta sul bombardamento di oggi su un villaggio del sud dell’Afghanistan che, secondo alcuni testimoni è costato la vita a 37 civili, tra cui 23 bambini e 10 donne. Il comando militare statunitense ha confermato che sono in corso indagini, ma una portavoce ha aggiunto: “se persone innocenti sono state uccise in questa operazione, noi chiediamo scusa e presentiamo le nostre condoglianze”.

    Il presidente afgano Hamid Karzai ha rivolto oggi un appello al neo presidente eletto Barack Obama affinché prevenga il ripetersi di operazioni con vittime civili.

    Secondo gli abitanti del villaggio, nella provincia meridionale di Kandahar, era in corso una festa di matrimonio quando è entrata in azione l’aviazione statunitense che ha sganciato numerose bombe. Il giorno precedente i talebani avevano sferrato un attacco contro le forze militari straniere presenti nella provincia.

  71. franca scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 15:52

    Leggo che,nel programma elettorale,Obama ha promesso il ritiro delle truppe americane dall’Iraq.Aumenterebbero invece,il numero dei militari in Afghanistan.Pino e allora?

  72. Carmen scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 16:29

    Franca se è cosi… non ci trovo tutto questo cambiamento auspicato!
    Le notizie di Meri lo confermano…. la storia non cambia

  73. NICOL scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 18:56

    L’invio di altri militari, se inviati con l’intento di aiutare le popolazioni e non di sparare su tutto e tutti, non puo’ che essere positivo.
    I nostri ragazzi in Afghanistan hanno fatto tanto per aiutare quella povera gente. L’america dovrebbe copiarci.

  74. latorredibabele scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:16

    Me l’ha mandata un sottufficiale dell’Esercito.

    APPENA GIUNTO IN UFFICIO…

    …squilla il telefono.
    Il Carabiniere alza la cornetta e dice: ‘ Chi osa rompere i coglioni già a quest’ora?’
    A quel punto si sente strillare dalla cornetta: ‘Lei non ha la minima idea chi sono io!! Sono il GENERALE !!!!’
    A quel punto il Carabiniere risponde: ‘..e lei sa chi sono IO?’
    Il generale sbalordito risponde: ‘No.’
    A quel punto il Carabiniere dice: ‘Che culo!’ e riaggancia la cornetta.

  75. StellAlpina scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:26

    Mmm…la barzelletta è divertente…ma?

  76. pino scaccia scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:36

    ma? dici che franca….
    (dai…era solo simpatica)

  77. StellAlpina scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:41

    Simpaticissima, ma non ho capito perchè è stata postata e perchè proprio qui… Poi mica l’ ha messa Franca!

  78. pino scaccia scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:42

    Ho detto che me l’ha mandata un soldato, per email. Beh, questo è l’ultimo post in cui si parla di militari.

  79. margherita scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:45

    Pino…perdona Stella…oggi “non ne fa cascare” una!!! :-)

  80. pino scaccia scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:46

    E’ l’attesa del grande ritorno…

  81. StellAlpina scrive:
    novembre 5th, 2008 alle 22:48

    Ahhhhhhh, ho capito cosa c’entra Franca! E’ una barzelletta sui carabinieri! Pardon, sono proprio fusa!

  82. franca scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 00:35

    A me l’avevano raccontata uguale.Ma…cambiavano i soggetti.Colui che rispondeva al telefono era un giornalista.Chi telefonava l’editore della testata gornalistica,nonchè datore di lavoro del suddetto.
    Notte Pino (;-] )

  83. pino scaccia scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 12:34

    Deve essere un giovanissimo praticante. Sai, gli inviati mica rispondono al telefono.

  84. franca scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 13:28

    Infatti è un inviato “giovanissimo”.
    A parte gli scherzi.
    Sai dove si raccontano le più esilaranti barzellette sui CC?
    Alle cene o ai pranzi ufficiali dei Carabinieri.
    Ridono di se stessi

  85. pino scaccia scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 13:42

    Lo so. Segno di intelligenza.

  86. marghe scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 16:33

    la mia situazione familiare sembra una barzelletta!
    un papà poliziotto, il mio fidanzato un militare, e il ragazzo di mia sorella un carabiniere!
    Qui ce ne vengono di barzellette!!
    :-)

    cmq.. volo di rientro rimandato… non più alla fine di novembre… ma circa alla metà di dicembre! mi ero già illusa… :-(

  87. StellAlpina scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 16:41

    Dai Marghe, prima o poi toccherà a tutte!

  88. marghe scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 16:54

    Si lo so.. ma ormai ci credevo.. avevo pianificato quasi tutto!
    Ma è cosi.. con il lavoro che fanno non si devono mai fare tantissimi progetti… mi devo ancora abituare!

  89. seby scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 17:14

    Marghe mi dispiace davvero tanto!! capisco la tua illusione anche a me è successo piu’ di una volta… ma passera’ vedrai.. manca poco per me (circa una settimana) ma quest’ultimi giorni sembrano non passare mai!!! non vedo l’ora di poter scrivervi quanto sono felice.. ma devo aspettare ancora un po’…. un abbraccio forte a tutti

  90. nelly scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 18:38

    ciao a tutti , ho solo oggi scoperto questo sito e purtroppo nn ho potuto leggere molti post!! cmq sn parecchio angosciata xchè ieri il mio ragazzo che si trova a herat mi ha fatto capire velatamente che sarebbe tornato in italia!!!! cioè lui nn mi dice mai nulla con la scusa di nn volermi fare preoccupare ecc e ieri mi ha avvisato che oggi sarebbe stata un pò particolare e che nn ci saremmo sentito e io ho ipotizzato il suo ritorno xchè ogni giorno mi diceva tra pochissimo torno!! vorrei sapere quanto tempo ci mette il volo militare da herat x arrivare in italia, ufffffff sto in apprensione!!grazie a chi mi risponderà.

  91. franca scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 18:47

    Nelly,dipende se è un volo militare o di linea.

  92. nelly scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 18:56

    volo militare, praticamente sto provando a chiamare da stamattina sulla scheda afghana che lui ha comprato x mandarci msg ma me la dava come nn valida,ho provato a richiamare 5 minuti fa e squillava ma nn mi ha risposto, nn so più che pensare!!

  93. StellAlpina scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 22:51

    Nelly, mi pare che il volo militare impieghi almeno 15-18 ore…però non vorrei dirti una stupidaggine. Ad ogni modo se il cell è spento da stamattina, è probabile che stia rientrando. A proposito… – 4!!!

  94. franca scrive:
    novembre 6th, 2008 alle 23:38

    Dai Stella.Il più è fatto.
    Vuoi che vada io all’aereoporto?Magari con Padre Brown. Un bel comitato d’accoglienza per i nostri ragazzi.

  95. Giuseppe scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 11:30

    con oggi -3!!!!

  96. nelly scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 12:14

    buongiorno a tutti!!! purtroppo nn ho ancora sue notizie e mi sto preoccupando davvero tanto, questa missione è caduta nel periodo che ha visto nascere la nostra storia e stando da poco insieme nn conosco ancora i suoi e nn so come fare x sapere se è tutto ok, il mio ragazzo sta alla caserma si sacile a pordenone nessuno ha figli,amici,fidanzati,mariti li e hanno detto che in questi giorni dovevo partire o fare qualcosa di particolare??un vostra risposta mi sarà di grande conforto,grazie mille!

  97. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 14:29

    Franca…se vai insieme con Padre Brown ad accogliere i nostri ragazzi, allora ok.
    Nelly, stai tranquilla. A volte loro si spostano e non possono tenere accesi i cellulari.

  98. NICOL scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 15:38

    Ormai ci siamo, la settimana prossima il rgt. sara’ rientrato. Stella, e tutti quanti state ancora aspettando, forza, quando abbraccerete i vostri cari la gioia vi ricompensera’ di tutto. Per la cerimonia, la data precisa ancora non c’e’ , ma sara’ di sicuro nella settimana dal 16 al 23. Pare che si svolgera’ in piazza per cui sara’ piu’ difficile riuscire a capire chi siamo. Comunque sara’ l’epilogo di un’esperienza che mi ha portato a conoscere questo blog che , nei momenti di pausa, segue sempre con piacere. Auguri a tutti voi, specie a Stella che forse ho sentito un po’ piu’ vicino degli altri.
    Che possa realizzare tutti i suoi sogni come sta facendo mio figlio.

  99. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 16:46

    Nicol, il mio ragazzo rientra la settimana prossima, ma non saranno ancora tornati tutti! Altri dovranno attendere la fine di questo mese…
    Grazie di cuore Nicol, soprattutto per le tue dolci parole nei momenti in cui ne ho avuto bisogno.

  100. andrea scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 19:27

    Egregio Scaccia visti i dubbi e le incertezze questo è ad oggi il programma della cerimonia di rientro del contingente. Penso possa fare piacere conoscerlo a tutti/e quelli che a casa attendono o hanno atteso
    Mercoledì 19.11.2008 : Intera giornata Caserma “F. Rossi” aperta con mostra fotografica e statica di mezzi e materiali, proiezioni di filmati sulla missione del Contingente in Afghanistan;
    ore :19:00 L’Aquila – Teatro S. Agostino concerto della Fanfara della Brigata Alpina “Taurinense”;
    Giovedì 20.11.2008: ore 10:30: L’Aquila – Parco antistante la caserma “F. Rossi” Intitolazione del parco e inaugurazione del monumento al “Mar. Ca. Luca POLSINELLI”;
    ore 16:00 L’Aquila – Piazza Duomo cerimonia di rientro del Contingente Italfor XVIII.

  101. pino scaccia scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 19:29

    Andrea, grazie. A nome di tutte le amiche (trepidanti) della tribù.

  102. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 19:32

    Grazie Andrea, sei stato preziosissimo!

  103. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 20:49

    Nei giorni scorsi a Kabul ed Herat ci sono stati degli avvenimenti importanti portati avanti dai nostri militari. Di alcuni di essi sono venuta a conoscenza grazie all’ esperienza diretta del mio alpino. Di altri, invece, ho appreso nel sito del Ministero della Difesa. Al di là delle manifestazioni per il 4 novembre e per l’ arrivo a Kabul della bandiera di guerra del 3° reggimento Alpini, manifestazioni di cui il mio ragazzo mi aveva parlato il giorno precedente, la notizia che, tra tutte, più mi rende orgogliosa riguarda l’ inaugurazione di una scuola nella valle del Musahy, costruita sotto la supervisione del Contingente italiano. Il mio alpino mi ha detto che quella scuola l’ ha “vista nascere”, perchè in quasi 6 mesi di permanenza a Kabul, di cui la metà trascorsi nella valle del Musahy, ha visto i lavoro. Credo che la scuola, l’ educazione, la cultura rappresentano il punto di partenza per l’ emancipazione e la libertà di un popolo. Perchè attraverso essi si prende coscienza dei propri diritti e doveri. Ed io mi auguro che quella scuola possa servire a tanti bambini afghani per renderli liberi! E un’altra bella notizia, di ieri, riguarda la donazione di 10 tonnellate di legna da riscaldamento agli abitanti di un quartiere rurale alla periferia ovest della capitale afgana, per far fronte alle rigide temperature invernali. “Durante l’inverno, si consegnano, di solito, agli abitanti delle zone rurali della regione di Kabul generi alimentari, legna da ardere, abiti pesanti e vestiario per i bambini. Con l’inizio della primavera, invece, l’attenzione si sposta verso gli studenti e la formazione scolastica con la distribuzione di cartelle, astucci e altre attrezzature didattiche in diverse scuole. D’estate si cerca di sopperire alle carenze idriche e si svolge l’attività medica a favore della popolazione e quella veterinaria a favore del bestiame”. A tal proposito ricordo che c’è un contatore che deve salire in “Mille splendidi soli”, dopodichè, appena Meri si sarà “liberata”, o meglio avrà risolto i suoi “problemi” ci organizzeremo per approfittare dei containers che partiranno da Pordenone per inviare un po’ di cose ai bambini afghani!

    Il mio ragazzo sta per tornare, ma tante sofferenze lì resteranno ed io non smetterò di seguirvi. Ormai non posso fare a meno di questa tribù!
    Tra una settimana sarò di ritorno da L’ Aquila con il mio ragazzo. Non ci crederete, ma non ancora ho realizzato che è tutto vero e che manca pochissimo ormai. E’ come se non ci credessi…

  104. meri scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 21:04

    Stellì, ti dico solo che se tutto va bene i nostri “tempi” saranno quasi coincidenti… inshallah

  105. rosanna scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 21:14

    ciaooo ragazze……..sapete ora sto piangendo….ma sono lacrime di gioia per voi…sono contenta che tra pochi giorni ripotrete abbarcciare i voistri compagni…..che bello…..sapete un po vi invidio perchè per voi questa avventura è quasi finita…mentre per me è solo all inizio….domenica saranno gia 2 settimane che il mio ragazzo è partito…in questi giorni il tempo sembra scorrere cosi lento….è cosi strano…..sono cosi strani i miei pensieri persi avvolte tra le nuvole…i miei sentimenti le mie emozioni…..ed io….qualcosa è cambiato…..quello che provo per lui…..sento che si sta solo rafforzando che lo amo da morire…ed è troppo bello….sono cosi preoccupata…vorrei vedere solo per 1 giorno attraverso i suoi occhi….vedere quello che vede lui…..sono contenta x te Stella…….baci tribù

  106. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 22:05

    Rosanna, paradossalmente adesso, guardandomi indietro, mi dico che questi mesi sono volati e che maggio è ormai lontanissimo. Nelle ultime settimane, invece, è stato come se il tempo si fosse fermato, le mie giornate duravano molto più delle 24 ore canoniche. Adesso che siamo agli sgoccioli mi sento…rimbambita… Non me ne rendo ancora conto, non ci credo, non mi sembra vero. Non so dire le emozioni che provo, cerco solo di immaginare il momento in cui lo rivedrò. Ma neppure quello riesco a fare! Sono proprio su un altro pianeta. Non ascolto nessuno ormai. Mia mamma mi ripete le cose mille volte, si arrabbia, ma niente… Un po’ di pazienza per tutti, su! Faccio anche le mie pubbliche scuse a Roberta per essermi dimenticata del suo compleanno. Riguardo a come cambia il rapporto, stai tranquilla Rosanna, vedrai che lo rafforzerà tantissimo questa esperienza!
    Un abbraccio.
    Meri sono felice per te.

  107. Antonella-H scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 22:25

    Ci siamo conosciute per caso su questo blog, in uno spazio dedicato a quelle che restano a casa proprio grazie a te, Stella! Ora che anche tu sei arrivata gli sgoccioli del tuo personale count down, voglio lasciarti qui un grande in bocca al lupo e dirti che sono davvero contenta per te! Grazie anche per questi 6 mesi di amicizia virtuale! Un bacio.

  108. StellAlpina scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 22:46

    Antonella, così però mi commuovi… Anche io grazie a questo blog ho conosciuto tante persone che hanno saputo rendere questi mesi meno pesanti. Una di quelle persone sei stata tu. Però adesso niente miele altrimenti sale il diabete! Un abbraccio forte.

  109. pino scaccia scrive:
    novembre 7th, 2008 alle 22:56

    Vi ho dedicato l’ultimo post. E guai a chi molla la Torre.

  110. nelly scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 10:54

    con oggi sn 3 giorni che nn ho sue notizie e davvero mi sento mancare la terra sotto ai piedi!!!! nn mi aveva avvertito che sarebbero passati 3 giorni, ha parlato di un giorno intero, di nn preoccuparmi,nn arrabbiarmi, ma io ora sto malissimo xchè 3 giorni so tanti x noi che eravamo abituati a sentirci ogni ora ,vorrei capire cosa è successo ma sembra che nessuno mi possa aiutare!!!il viaggio di andata nn fu cosi lungo quindi nn penso sia partito,oddio nn so più che pensare,help me!!!

  111. StellAlpina scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 13:59

    Nelly, perchè non provi a telefonare in caserma? Però ti ripeto, se il tuo ragazzo ha compiti speciali, può darsi che siano fuori…

    Pino, Gigi ci ha insegnato di non mollare mai! ihihih

  112. Carmen scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 16:03

    Si Nelly ha ragione Stella! magari è fruori per qualche compito speciale che sta durando più del previsto…

  113. marghe scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 18:43

    Nelly, cerca di stare tranquilla il più possibile.
    Quando vanno i certi posti, il cellulare non prende quindi gli risulterà difficile contattarti.
    So che è difficile, perchè anche io ci sn passata.. e non è ancora finita!

    Rosanna, vedrai che il rapporto diventerà ancora più forte!
    Mi ricordo che qnd il mio ragazzo è partito, impazzivo e continuavo a ripetermi nella testa… 6 mesi… tantissimo!
    Ora a ripensarci sembra che il tempo sia volato, ora mi spetta l’ultimo mese… e questo sembrerà il più lungo…
    Cerca di impegnare al massimo la tua giornata…
    tranquilla arriverà prestissimo anche il tuo momento!!
    Ora tocca alla nostra cara Stella, la mia informatrice personale, che spero non mi abbandoni… ma non penso lo farà mai!
    un bacio a tutte

  114. StellAlpina scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 21:56

    Eh sì, sono agli sgoccioli. So che ve lo sto ripetendo da giorni fino alla noia, so che a qualcuno non gliene può fregare di meno, ma io voglio urlarlo che PER ME STA PER FINIRE UN INCUBO!!!

  115. rosanna scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 22:23

    Stella vorrei chiederti 1cosa……o a Pino…..vorrei tenermi aggiornata su tutto quello che succede sai il mio ragazzo nn mi dice mai nulla……mi a detto che nn puo dire nulla lo fa anche x farmi stare tranquilla……Stella o letto in tuo messaggio che parlavi del 3 reggimento alpini il mio ragazzo ne fa parte…….vorrei saperne di +……..puoi dirmi come fai ad esser cs aggiornata….Grazie…..bè non so se i vostri ragazzi questa sera anche loro hanno mangiato la pizza….so solo che il mio povero ragazzo a dovuto lavare tutte le pentole………

  116. franca scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 22:40

    Rosanna,guarda il lato positivo.Imparando a rigovernare,da sposati potrà aiutarti.

  117. pino scaccia scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 22:41

    terribile….

  118. rosanna scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 22:48

    lo sai questa sera gli o fatto la stessa battuta….e nn ti dico dove mi a mandata………tranquilla tanto i maschietti si piegano al nostro volere….lo fanno tt……..la donna ne sa 1 + del diavolo.

  119. franca scrive:
    novembre 8th, 2008 alle 22:55

    I tuoi cromosomi siciliani sono venuti allo scoperto con questa battuta

  120. franca scrive:
    novembre 9th, 2008 alle 11:17

    Stella,da domani inizia il conto alla rovescia.
    Al commento 97,cosa hai voluto insinuare?Va bene,essere gelose.Ma di una mamma!

  121. StellAlpina scrive:
    novembre 9th, 2008 alle 21:25

    Ciao Rosanna, non ricordo dove ho parlato del 3″ rgt, anche perchè il mio fa parte del 9″. Comunque io cerco notizie un po’ ovunqua (a parte quelle, abbondanti, che trovo qui), dal sito del Ministero della Difesa a Peacereporter al Corriere della Sera. Riguardo a ciò che fanno, io credo che a volte sia meglio non sapere, per dormire un tantino più tranquille. E per finire, la pizza la mangiano spesso e ogni tanto a qualcuno tocca pure lavare le pentole. Stai tranquilla.

  122. pino scaccia scrive:
    novembre 9th, 2008 alle 21:38

    Sapete che a Kabul, parlo della base italiana, ci sono tre pizzerie (vere, con forno a legna). Quando “abitavo” lì ogni sera cambiavo. E’ un pò una maniera per pensare a casa.

  123. NICOL scrive:
    novembre 10th, 2008 alle 09:28

    Quando torneranno i vostri ragazzi chiedetegli di farvi vedere i video che hanno registrato mentre svolgevano le varie mansioni.
    Alcuni fatti all’esterno sono molto belli, specie quelli registrati sugli elicotteri. Vedrete che in quel paese cosi’ arido invece ci sono dei bellissimi spazi verdi. Si possono avere in caserma. Vi posso solo dire che, quando va tutto bene, e’ un’esperienza piu’ che positiva che li aiuta a crescere (In fondo sono tutti dei ragazzi) . Ed anche per noi, che siamo rimaste a casa!!!

  124. nelly scrive:
    novembre 11th, 2008 alle 15:31

    ciao a tutti!!!domenica il mio ragazzo è atterrato a fiumicino!!nn sapete cosa sia successo!!un guasto all’aereo due giorni buttati in un hanger un casino!!!tra ieri e oggi me lo sto coccolando ben ben e tra un ‘ora lo rivedo, è tutto cosi triste xchè tra una settimana riparte x herat, altri 4 mesi!!! nn so se reggerò…mi sto troppo riabituando a tenerlo qui vicino a me..uff è dura!!!!

  125. mensa kamp invicta scrive:
    novembre 11th, 2008 alle 20:17

    grazie giulia per il sostegno che hai fornito a MENSA peccato non sei mai potuta uscire dalla base e aver provato emozioni vere e per questo continui a scrivere sui blog raccontando quello che non sai e che non hai mai visto.

  126. Carmen scrive:
    novembre 11th, 2008 alle 21:02

    OH mamma! mi sembra una frecciatina…
    bhe ma ognuno ha il suo ruolo grande o piccolo che sia! anche se di certo stando in mensa ha corso meno rischi di altri…
    Però si sarà fatta comunque un’idea della situazione e ci ha riportato la sua esperienza…

  127. Giulia scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 12:38

    Ahahah questa è veramente bella….ora ci mancavano solo gli utenti anonimi che mi lanciano frecciatine…
    Io non ho mai detto nè più nè meno di quello che ho visto con i miei occhi o tramite video e fotografie di miei colleghi, non ho mai raccontato a nessuno di essere uscita dalla base o di aver fatto cose che non ho fatto, quindi non vedo tutta questa cattiveria nell’attaccarmi qui…
    Se sei un Uomo, per prima cosa firmati col tuo nome e per seconda cosa metti qui sopra i link dei blog dove io andrei a raccontare “cose che non so e che non ho mai visto”…..
    Altrimenti lasciami in pace.

  128. pino scaccia scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 13:43

    Giulia, non te la prendere. Il mondo è pieno di cretini. La prima caratteristica dei cretini è quella di essere anonimi.

  129. NICOL scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 18:23

    Giulia Io ti ammiro tanto anche se hai svolto il tuo lavoro dentro la base.Tu come mio figlio siete stati chiamati a svolgere un compito. E se tutto e’ andato per il meglio un po’ e’ anche merito vostro.
    Lo sai che anche io (se fosse stato possibile) mi sarei arruolata?
    A me sarebbe piaciuto tanto L’arma dei Carabinieri. Pertanto sentiti orgogliosa di quello che hai fatto, e non dar retta ai, come giustamente li ha chiamati Pino , cretini . La settimana prossima a L’Aquila se vedrai qualcuno che ti saluta e non conosci, potrei essere io.

  130. Giulia scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 21:00

    Purtroppo molti dei miei colleghi fucilieri non portano rispetto per chi come me rimaneva dentro la base a svolgere mansioni più “umili” e meno pericolose di quelle che svolgevano loro…come se lavare le pentole a mensa oppure occuparsi dello spaccio o stare di guardia non fosse stressante e faticoso…molti dei miei colleghi hanno la guerra in testa e secondo me non hanno capito fino in fondo il nostro compito in missione….dentro o fuori la base tutti noi abbiamo un compito, è una catena, se manca anche un solo anello, la catena si spezza….
    A me sarebbe piaciuto tantissimo farmi questa missione da fuciliere, uscire e fare pattuglie o attività cimic, ma è andata così…alla prossima sarà diverso….
    comunque, i cretini sono tanti, e come al solito li incontro io…

  131. pino scaccia scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 23:11

    Giulia hai tutto il nostro rispetto e la nostra stima.

  132. Carmen scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 23:21

    Ciao Giulia non prendertela! qualche scemo voleva divertirsi… poi da che pulpito arriva la predica! da chi non ha nemmeno il coraggio di scrivere il proprio nome! è davvero vergognoso che sia stato scritto da colleghi!

  133. pino scaccia scrive:
    novembre 12th, 2008 alle 23:27

    Credimi sulla parola: i veri nemici sono i colleghi…

  134. Giulia scrive:
    novembre 13th, 2008 alle 00:26

    eh si pino, lo so benissimo e in missione ne ho avuto la conferma…in missione conosci veramente le persone come sono nel profondo dell’anima, le loro debolezze, la loro vigliaccheria, la loro falsità…l’ho testato sulla mia pelle….
    cmq nn me la sono presa per questo deficente, solo che non sopporto le persone che attaccano in maniera gratuita…io so quel che ho fatto laggiù in afghanistan, i momenti belli e brutti (e ce ne sono stati tantissimi) che ho vissuto, quanto e come ho lavorato e non permetto a nessuno di giudicarmi…

  135. NyFrigg scrive:
    novembre 13th, 2008 alle 10:18

    Non ho parole…. credevo che nell’esercito, più che in altre realtà, fosse chiara l’importanza di ogni ruolo. Giulia, sii sempre orgogliosa del tuo operato.

  136. Giulia scrive:
    novembre 13th, 2008 alle 20:54

    ah, ci tenevo ad aggiungere una cosa….non bisogna provare per forza emozioni vere e forti per sentirsi realizzati!!!
    buonaserata a tutti!!

  137. Sheyda23 - Lorena scrive:
    novembre 13th, 2008 alle 22:49

    ..Giulia passaci sopra..Non è altro che sarcasmo gratuito.
    Forse questo signore si sente un po’ troppo importante,è il tipico complesso del super-uomo( da non confondersi col Superuomo di dannunziana o nietzschiana memoria!! ),che non riesce a decentrare l’attenzione sul proprio ego..

  138. StellAlpina scrive:
    novembre 15th, 2008 alle 00:02

    Ho letto di passaggio gli ultimi post. Sorvolo sull’ attacco a Giulia, gratuito e meschino, anche se in genere quell’ indivia è più donna che uomo…
    E poi concordo con Nicol sui video e le foto. Io ne ho visti tantissimi e soprattutto le foto ritraggono dei paesaggi meravigliosi. Appena possibile ne farò avere qualcuno al grande capo…ora che si può! 😉

  139. pino scaccia scrive:
    novembre 15th, 2008 alle 00:03

    E’ molto bello, sai, che torni qui e ci racconti. Ormai fai parte integrante della tribù.

  140. StellAlpina scrive:
    novembre 15th, 2008 alle 00:06

    E’ stato il primo pensiero appena sono rientrata! Domani, con calma, vi racconterò tutto. Ora vado a nanna. Buonanotte tribù!

  141. luca scrive:
    novembre 15th, 2008 alle 14:37

    ciao giulia ho notato che è uscito un dibattito ma devo dare ragione all’anonimo\a non perchè tu li non abbia fatto nulla ma perche tu puoi parlare di una cosa e lui di un altra……tu parla del lavoro che hai svolto tu e lui del suo senza prendersi i meriti altrui puoi essere gratificata anche così perchè un conto è vederle sulle foto dei colleghi le cose e un conto è partecipare e sentire davvero quello che si prova quando hai paura ecco perche il fucilere che ha vissuto tutto ciò non ne parla e neanche ti risponde se tu gli chiedi qualcosa perche è come se vuole dimenticare quindi smettila di fare blog e siti pieni di cose ( sei stata anche richiamata per questo ricordi? ) sei stata in gamba nel TUO lavoro a kabul e sei andata avanti anche grazie ai tuoi colleghi (tra cui io) e non è bello parlarne male in un blog e offenderlo con degli estranei alla nostra vita ciao bella un bacio

  142. pino scaccia scrive:
    novembre 15th, 2008 alle 16:23

    Luca, con gli estranei? Visto che interloquisce con un anonimo solo voi potete sapere di chi si tratta. Dovreste ringraziare Giulia invece per l’attenzione che, attraverso lei, si riversa su tutti voi che state li’. Non stai parlando con uno che non ne sa niente, ma con chi e’ stato complessivamente molto piu di voi in Afghanistan. E non dentro una caserma.

  143. Giulia scrive:
    novembre 16th, 2008 alle 01:25

    Allora Luca io non ho parlato male di nessuno, sono solo stata attaccata da una persona che dice che vado in giro raccontando cose che non so….e questa è una notizia falsa….io non ho mai preso meriti che nn sono stati miei, e soprattutto non mi sono mai spacciata per qualcuno che non sono, tant’è che metto sempre l’indirizzo del mio blog, dove si vede chi sono…io nn mi nascondo dietro un nickname anonimo, non sono una persona falsa….dovresti sapere come sono….
    quella che è stata offesa sono io, nessun altro.
    E se parlo di qualcosa non è solo per sentito dire ma perchè a differenza di molti alti miei colleghi, io prima di partire in missione mi sono documentata su usanze e costumi di questo paese, ho letto libri, ho visto documentari, e mi sono fatta una mia idea…se adesso è anche vietato esprimere le proprie opinioni, allora significa veramente che la democrazia in Italia è arrivata proprio alla frutta…
    sarò andata avanti grazie a voi colleghi….beh, la maggior parte di voi colleghi mi ha remato contro, nn parlo di te, ma io nell’amicizia tra colleghi poco ci credo…quindi fidarsi è bene, nn fidarsi è meglio…e si è visto dal post che l’anonimo mi ha lasciato qualche gg fa su questo blog.
    ciau ciau

  144. pino scaccia scrive:
    novembre 16th, 2008 alle 01:47

    Posso testimoniare che Giulia mi ha chiesto di togliere i link a foto personali, perchè non voleva mostrarsi troppo. Le accuse dell’anonimo (che in quanto anonimo ha comunque torto) lasciano insomma il tempo che trovano. Dovreste solo ringraziarla, ripeto.

  145. NyFrigg scrive:
    novembre 16th, 2008 alle 08:19

    C’è una frase che ieri sera Nasim ha detto nel suo debutto italiano: “Italy has send to Afghanistan many children to help us, I thank you for this” …. questo è ciò che conta, per ognuno di voi. Non litigate per il resto, non ha importanza.

  146. StellAlpina scrive:
    novembre 16th, 2008 alle 17:24

    Ma di Nasim possiamo sapere qualcosa in più?! Io sono curiosa!

  147. pino scaccia scrive:
    novembre 16th, 2008 alle 17:28

    Sto aspettando foto e racconto. Comunque tutto bene. Le ultimissime stanno sotto un altro post (“nick”)

  148. StellAlpina scrive:
    novembre 17th, 2008 alle 19:20

    Ho appena letto le ultimissime.
    Per le foto dovrai aspettare il prossimo week end perchè il mio alpino mi è stato già nuovamente sottratto dal IX per le visite di controllo e le prove della cerimonia di rientro alla quale, tra l’altro, non potrò partecipare, purtroppo!
    Il racconto… Vediamo. Le 2 notti precedenti l’ arrivo non ho dormito per niente! Forse 5 ore in tutto! Ho voluto essere sveglia per ricevere in tempo reale ogni notizia. Nel frattempo la mia valigia era aperta, essendo io indecisa se partire o no (per piccole incomprensioni dell’ ultimo minuto).
    (Mio fratello rompe che gli serve il pc…che palle! Appena lo libera continuo…)

  149. Carmen scrive:
    novembre 17th, 2008 alle 23:39

    Buonasera a tutti! leggevo il racconto di Stella… e così è finita anche per lei l’attesa! in realtà l’abbiamo vissuta tutti insieme e per me è stato davvero diverso stavolta, il tempo è volato grazie a tutti voi! peccato non esserci alla cerimonia sarebbe stato emozionante per me!

  150. StellAlpina scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 16:20

    …CONTINUA DAL 148…

    Ero sveglia quando hanno lasciato la caserma alla volta dell’ aeroporto, ero sveglia quando sono partiti per gli Emirati, ero sveglia quando vi sono arrivati e hanno dovuto aspettare un po’ di ore, ero sveglia quando sono ripartiti alla volta di Il Cairo e quando sono atterrati, ero ancora sveglia quando sono ripartiti da Il Cairo, destinazione Pisa! Ed ero sveglia quando, alle 4:30 circa, mi ha squillato per avvertirmi che l’ aereo era atterrato a Pisa! Mi sono sentita liberata, sollevata, come se il pugno che per mesi aveva tenuto stretto il mio stomaco si fosse improvvisamente allentato. Gli ho “tenuto compagnia” fino a quando, verso le 6:30, sono ripartiti da Pisa per l’ Aquila, dopodichè mi sono addormentata per un paio d’ ore. Ma alle 8 ero di nuovo sveglia, aezilla e pronta per la mia partenza! Ho messo in ordine la casa, sono andata a fare la spesa, poi dal parrucchiere e a casa.. Ma…brutta notizia! Ho trovato nonna che stava male! Quindi trambusto per cercare il medico e capire cosa avesse, la valigia ancora aperta…e davvero non sapevo più se avrei potuto chiuderla! Ho pensato: che sfiga! Invece a nonna non era nulla di che, quindi ho preparato il pranzo, poi ho rassettato e alle 2:15 ero in viaggio per Napoli. Per andare dove? Dal mio alpino, finalmente rientrato! Non ne ero certa, pensavo di aver immaginato tutto. Possibile che davvero era rientrato? Alle 18 sono partita da Napoli per l’ Aquila. Il viaggio è stato interminabile, allietato da diverse telefonate. Gli ultimi 10 minuti ho iniziato a sentire il cuore in gola e l’ ansia venir su prorompente. Cosa avrei fatto? Come avrei reagito? Avrei pianto? Avrei urlato? Avrei sorriso? Sono scesa dal pullman, ho ritirato la mia valigia e nel voltarmi l’ ho visto venirmi incontro: non ho pianto, non ho urlato, non ho sorriso. Ho solo pronunciato il suo nome e poi è seguito un lungo abbraccio. La sensazione dominante è stata di non essermi mai separata da lui. E’ stato come se in pochi secondi fossero stati cancellati i quasi 6 mesi di angoscia, di paura, di attese, di malumori. E ancora oggi io mi chiedo se davvero siamo stati lontano così tanti mesi! I giorni a L’ Aquila sono stati belli, ci siamo riappropriati della nostra storia, abbiamo cercato di raccontarci questi mesi di solitudine e soprattutto ho trovato risposte più esaurienti ai suoi “qui tutto bene, sto bene, stai tranbquilla”. Ho visto foto, video, ho ascoltato dalla sua voce cosa facevano, dove andavano quando mi diceva “vado a fare una passeggiata” o “un giro”. Se lo avessi saputo allora non avrei dormito sonni tranquilli di certo! Quando venerdì siamo tornati a casa, ognuno la propria, ho sentito un tremendo magone, un nuovo distacco, ma almeno stavolta era per poco! Ovviamente mi pesa stare lontani nuovamente, questa settimana, per le visite e la cerimonia, ma poi so che avremo 2 mesi tutti per noi! E nella nostra testa prende sempre più piede l’ idea di una bella vacanza! Non so se in queste righe sono riuscita a trasmettere l’ emozione forte di certi momenti, ma sono sicura che chi li ha già vissuti può comprendermi bene. A chi, invece, è ancora a casa ad aspettare dico solo di tenere duro perchè nel momento esatto in cui li riabbraccerete, come per incanto svaniranno le sofferenze dei mesi precedenti!
    Infine un grazie a chi mi ha “sopportata” pazientemente in tutti questi mesi, a chi ha dovuto sorbirsi i miei momenti di sconforto e le mie continue lamenele, un GRAZIE particolare al padrone di casa, a “quelle che restano a casa”, a mamma Franca e mamma Nicol, a PB l’ antipatico, a Meri con cui c’è stata un’ affinità immediata…insomma, a tutti!
    Ovviamente il mio non è un addio perchè NON VI LIBERERETE DI ME!!!

  151. pino scaccia scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 16:26

    Liberarsi di te? Guai a te se sparisci invece!!!

  152. StellAlpina scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 17:00

    No Grande Capo, non ne ho la minima intenzione.

  153. NICOL scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 18:21

    Rileggendo le tue emozioni ho rivissuto le mie. L’amore che provi verso quel ragazzo e’ forte come quello di una mamma, pertanto sono sicura che durera’ per sempre. Auguroni!!!!!

  154. Carmen scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 20:54

    Stella è davvero emozionante il tuo racconto! nemmeno io ho pianto quando ci siam riabbracciati perchè avevo pianto a dirotto dopo aver saputo del ritorno a settembre! io ero già col pensiero a novembre ed invece la notizia mi ha colto davvero di sorpresa… ovviamente lui non sa quante lacrime ho versato soprattutto quando mi ha detto che appena rientrato in caserma sarebbe venuto da me… e così dopo l’arrivo alle sette del sabato mattina in caserma ha preso la macchina, si è fermato a pranzo dai genitori e via per la puglia… alle 16.00 era già da me! 24 ore dopo era di nuovo in viaggio per L’Aquila!
    Anche adesso se ci penso piango di felicità per questo amore così bello e forte che resiste al tempo e alla distanza!
    E sono contenta che anche per altri sia così… perchè non è affatto facile a volte superare lo sconforto! Ma adesso ho anche un altro esempio davanti agli occhi… una coppia che conosciamo…
    e se ce le fanno loro allora non abbiamo ragione di cedere nemmeno noi!!!

  155. Antonella-H scrive:
    novembre 18th, 2008 alle 21:51

    Che bello leggere le storie positive di questi giorni… la fine dell’avventura di Stella e le grandi emozioni di Meri. Il resconto di Stella mi da una gioia particolare, visto che insieme abbiamo condiviso lunghe sere di solitudine e momenti di sconforto. E’ bello sapere che intorno a noi c’è tanto amore, forse l’unica cosa che può farci sorriere di fronte ai mille disastri di questo mondo.

  156. Giulia scrive:
    novembre 20th, 2008 alle 21:07

    oggi pomeriggio c’è stata la cerimonia di rientro del nostro contingente…molto emozionante per me, dopo il mio giuramento il 9 febbraio 2007, è la seconda cerimonia importante della mia vita militare….ho provato una forte emozione…..
    prima della cerimonia c’è stato l’intitolazione del parco che si trova di fronte alla nostra caserma al Maresciallo Capo Luca Polsinelli, una persona che ha perso la vita mentre svolgeva il suo lavoro…onore a lui e a tutti i caduti del nostro Esercito!
    Grazie a tutti coloro che hanno assistito alla cerimonia….grazie grazie grazie!

  157. chicca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 00:06

    il commento d STELLA m ha commosso cosi tanto da fami venire i lacrimoni…t stimo e t invidio per aver saputo resistere in quei 6 mesi interminabili.Il mio ragazzo è partito da circa 2 sett e m sembrano un’eternità..e pensare che ne devono passare altre centinaia d sett cosi..tra malumori,litigi e coccole su msn…certe volte penso d buttare i miei24anni cosi..al computer..stando appresso a una persona che m ha abbandonato per 6 mesi..è dura,molto dura..bisogna stringere i denti..ma certe volte forse non ne vale la pena..non lo so..sono molto confusa e vorrei conforto da altre ragazze che stanno come me…tristemente confuse..

  158. NICOL scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 09:20

    Si Giulia, aver dedicato quella pietra con sopra l’aquila al Mar. Polsinelli e’ stato molto emozionante. Anche la cerimonia, e’ stata il giusto ringraziamento a tutti i Vs. sacrifici. In particolare ho gradito il “grazie ragazzi” che il ministro Vi ha detto a microfono spento mentre andava via. Ora godetevi un meritato riposo.

  159. pino scaccia scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 09:24

    Nessuna che abbia qualche foto della cerimonia?

  160. margherita scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 11:41

    Mi unisco alla richiesta di Pino. Io avrei voluto esserci ieri a L’Aquila però per una serie di motivi non ho potuto. Mi piacerebbe vedere qualche foto; sui quotidiani locali, che pure ho comprato, ce ne sono poche poche…

  161. StellAlpina scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 12:10

    Cara Chicca, ciò che tu stai vivendo ora io l’ ho vissuto fino alla settimana scorsa, quindi ti capisco perfettamente! Il mio ragazzo è partito a maggio, quindi proprio mentre si avvicinava l’ estate e la voglia di vacanze. E invece i mesi caldi li ho trascorsi in attesa di telefonate, sms e collegamenti a msn. Sapessi quante volte la rabbia mi è salita fino ad accecarmi, quando ad esempio ero fuori e dovevo precipitarmi a casa perchè lui stava per telefonare…poi arrivavo a casa e mi diceva di non potermi più chiamare perchè era tardi! Non avercela con lui per averti lasciata sola, non è colpa sua. Avrai tanti momenti di sconforto, tanti dubbi, tante discussioni banali, tante lacrime, tanti musi lunghi e ti sembrerà che il tempo trascorra troppo a rilento rispetto alla tua voglia di rivederlo. Poi, nel momento esatto in cui lo riabbraccerai, tutti i mesi precedenti svaniranno e avrai solo voglia di non pensare a niente! Non credere di buttare i tuoi 24 anni dietro ad un pc. I sacrifici che fate adesso vi saranno ripagati poi. E tu, prima che lui, devi essere forte, perchè ci saranno tante telefonate in cui dovrai tirargli su il morale! Io ti abbraccio e faccio un grosso in bocca al lupo a te e al tuo ragazzo. Non mollare e quando lo sconforto ti assalirà vieni qui e troverai tante persone disposte a consolarti e farti sorridere.

    Riguardo alla cerimonia, io mi sono mangiata le mani per non aver potuto parteciparvi, ieri, ma proprio non potevo! Passo però un po’ di link in cui se ne parla…
    http://www.abruzzo24ore.tv/news.php?id=8283 (qui si parla del rientro degli alpini del IX)
    http://www.difesa.it/ (qui si parla della cerimonia di ieri, con tanto di fotografie! anche se, a dire il vero, le foto sono perlopiù ritraenti il ministro…come se in missione ci fosse stato lui!)

  162. franca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 14:00

    Chicca,benvenuta.
    Il tuo ragazzo,non ti “ha abbandonata” per 6 mesi.
    Ha seguito un suo progetto di vita.Difficile.Periglioso.Tutto ciò che vuoi.
    Ma non ti sentire… abbandonata.Lui è partito,contando anche, sul tuo conforto.Adesso più che mai avrà bisogno di te.

  163. Carmen scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 14:37

    Spero che Nicol abbiamo scattato qualche foto… comunque ne ho trovate diverse sul sito della difesa.

  164. chicca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 20:51

    sinceramente io non condivido il suo lavoro..e non sono neanche d’accordo sulla nomenclatura d MISSIONI D PACE..in quanto tornano a casa magari o morti o senza una gamba o un braccio perche magari hanno davvero fatto la guerra..e sinceramente non sarà neanche il lavoro della sua vita..quindi è per questo che dico che mi ha abbandonata..non per salire di grado o per i soldi..ma solo perchè costretto ora..

  165. pino scaccia scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 20:55

    Costretto? E’ lui che ha scelto il suo lavoro.

  166. chicca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 21:03

    scusate se parlo cosi..ma sono molto arrabbiata

  167. pino scaccia scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 21:09

    Siamo prontissimi a capirti.

  168. Antonella-H scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 22:01

    Chicca il tuo sfogo è comprensibilissimo e penso che ognuna di quelle che restano a casa abbia pensato ciò che hai scritto e provato il senso di abbandono di cui parli, in momenti di sconforto più o meno lungo. La cosa più difficile è proprio accettare il loro lavoro, dover accettare le lunghe assenze, i rischi… ma il mio parere è che se dentro di te sei sicura dei sentimenti che provi prima o poi riuscirai ad accettare la situazione e a viverla con meno rabbia. I sentimenti vanno oltre la lontananza! Non ti abbattere.

  169. Carmen scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 22:27

    Ciao Chicca! benvenuta tra noi!
    mi spiace sentirti parlare così, capisco i tuoi dubbi e la tua preoccupazione ma non credo che ti abbia abbandonata anzi come ha detto franca proprio ora ha più bisogno di te! anche per me il primo distacco è stato davvero difficile, ed ogni partenza è quasi uno shock ma vedrai che quando questo periodo sarà passato ti sentirai una persona più forte ed anche il vostro legame sarà più saldo! ci potranno essere momenti di particolare sconforto ma poi passa e noi siamo qui per aiutarti!

  170. Giulia scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 22:37

    concordo pienamente con franca…
    chicca scusa se te lo dico ma sbagli a dire queste cose…il tuo ragazzo non ti ha abbandonata per sei mesi, non è andato in vacanza ai caraibi, ma a fare una missione….e non è una cosa che fanno tutti…devi essere fiera di lui e di quello che fa…..
    ti parlo non per sentito dire ma per esperienza diretta….io mi sono fatta cinque mesi a kabul, i cinque mesi + difficili della mia vita, lontana da casa, dalla famiglia, dalle amicizie, senza poter uscire, fare tutte le cose che mi piacciono, sempre ad ubbidire e a stare zitta anche quando avevo ragione….

    chi è fidanzato con un militare o con una militare deve sapere a cosa va incontro e deve saper comprendere il lavoro del proprio partner, stare insieme ad un militare significa vivere una vita di sacrifici ma anche di soddisfazioni e momenti bellissimi e intensi…
    io sono donna, sono militare e sono orgogliosa della mia vita, nonostante i momenti difficili e tutti i sacrifici che sto facendo da due anni a questa parte…

    fatti forza sia per te e sia per lui…

  171. chicca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 22:46

    beh si lei ha perfettamente ragione..se l’è cercata lui..ci mancherebbe..e solo che non condivido assolutam chi parte e chi finanzia tutto questo..
    ritengo siano soldi spesi male

  172. franca scrive:
    novembre 21st, 2008 alle 23:42

    Chicca,rispetto le tue idee.Ma,non le condivido.Come mamma di 2 militari ho una visione diversa dalla tua.
    Comunque,se ne hai voglia,leggi il commento 26 del post”la storia di Nasim”.Un tuo coetaneo afghano,racconta l’operato dei nostri ragazzi,nella sua terra.

  173. chicca scrive:
    novembre 22nd, 2008 alle 15:28

    vorrei fare una domanda a ROSSANA..il tuo alpino è fuciliere a P.??

  174. Sheyda23- Lorena scrive:
    novembre 23rd, 2008 alle 17:39

    ..Arrivo terribilmente in ritardo,dopo due giorni col pc in panne.

    Leggevo i commenti di Stella,e la storia di chicca con le lacrime agli occhi,sono felice per voi,quanto vorrei tornare ad essere anch’io una..”donna d’arme” come voi..
    Il magone mi serra la gola,non solo perchè continuo a provare malinconia per quella storia sfuggita dalla mani che tanto ho amato.
    ..Ma anche perchè sono preoccupata,Pino lo sa,per qualcuno che conosco da poco,ma a cui non posso fare a meno di pensare.E’ in Afghanistan,è lì da non so bene quanto,vorrei tanto notizie di lui,i giorni passano,ma non so cosa fare..

    Perdonate lo sfogo..

    Lorena vi pensa,kabulline care..

  175. NICOL scrive:
    novembre 24th, 2008 alle 11:18

    Il solo pensiero di quel povero ragazzo che e’ dovuto partire perche’ coinvolto come dici tu, senza neanche il tuo appoggio mi fa veramente male. Se non apprezzi il suo lavoro, la divisa ne’ quello che fanno una soluzione c’e’ : lascialo, ma aspetta almeno che ritorni in Italia. Non si puo’ stare con un uomo e non apprezzare quello che fa, quello che rappresenta. Pensaci . Una mamma

  176. chicca scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 18:40

    ma io non c penso minimamente a lasciarlo ne ora ne dopo quando tornerà!!!ma che c’entra??L’AMORE con la A maiuscola va oltre il lavoro di una persona…posso non apprezzare il suo lavoro ma amarlo alla follia???

  177. chicca scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 18:47

    ciao sheyda,t capisco sinceram..prima d stare con il mio uomo,lui era titubante se mettersi assieme a me proprio per il suo lavoro..e ho dovuto insistere molto..addirittura 1anno..ma poi ha cambiato idea e ora stiamo insieme e c amiamo alla follia..quindi tieni duro e contattalo..a lui gli farà un immenso piacere sentire che tu lo pensi e che tu ci sei per lui

  178. Stella scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 00:16

    Nicol, le tue parole le condivido, anche se capisco pure ciò che dice Chicca, perchè è vero che spesso le missioni sono un percorso obbligato per chi vuole entrare in servizio permanente. Ma allo stesso tempo mi sento di dire che chi sceglie di fare il militare, così come il medico, l’ insegnante o tutti gli altri mestoeri, deve amare ciò che fa, altrimenti vive una vita castigata. Certo è difficile stare lì e pensare che la persona amata non condivide la nostra scelta. In quei momenti si ha bisogno solo di tanta comprensione. Ma forse da parte di Chicca adesso c’è solo tanta rabbia per questa sorta di abbandono. Pian piano capirà, la accetterà e saprà essere fiera di ciò che il suo ragazzo è andato a fare. Io ho visto tante foto del mio alpino e non ho potuto non commuovermi di fronte a quei bambini che al loro passaggio alzano la mano per salutarli o allungano il btaccio per ricevere dell’ acqua…

  179. NICOL scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 10:40

    Ti sarai commossa e nello stesso tempo ti sarai sentita piu’ che orgogliosa di quello che hanno fatto. E sinceramente hanno fatto tanto per quella povera gente. Non si puo’ non apprezzare tutto cio’ in particolar modo se ami chi lo fa. Quando mio figlio stava la anch’io
    ce l’avevo un po’ con chi li aveva mandati, ma oggi posso dire che e’ stara un’esperienza positiva per tutta la mia famiglia. Sono sicura che anche Chicca, dopo sara’ orgogliosa del suo ragazzo

  180. marghe scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 17:41

    Ragazze.. scusate se è da un pò che vi ho abbandonato! Sono impegnatissima per fortuna!
    Ormai è errivato il mio turno! Anche il mio ragazzo tra poco rientra.. e sinceramente non ce la faccio più!
    Non mi sembrano passati cinque mesi..anche perchè all’inizio mi sembrava un’eternità… pensavo non arrivasse mai… pensavo di non riuscire ad avere la forza di affrontare tante cose da sola, senza poter parlare sempre con lui, senza vederlo.. senza sapere niente di quello che faceva e dov’era!
    Alla fine ce l’ho fatta.. anche se i momenti di sconforto ci sn stati.. ma sn stati superati perchè sono innamorata e questa situazione ha rafforzato il tutto!

    Chicca stai tranquilla, il tuo ragazzo ha bisogno di te!
    A loro manchiamo tanto.. anche perchè sono in un’altro mondo.. mentre noi qui continuiamo la vita di sempre… e la loro forza sta anche nel pensare a noi che gli siamo vicine in qualsiasi modo!
    un saluto a tutti!

  181. Serena scrive:
    maggio 5th, 2010 alle 18:49

    ciao giulia…vorrei parlare un po in privato con te…perchè sto facendo la mia tesi di maturità sulla missione ISAF visto che sono un aspirante soldatessa! come possiamo fare? mi puoi dire il tuo cognome che ti aggiungo in facebook?
    grazie mille

  182. franca scrive:
    maggio 7th, 2010 alle 23:46

    Serena,scusa se mi intrometto,Giulia è nuovamente in missione:Afghanistan.

  183. Serena scrive:
    maggio 16th, 2010 alle 20:25

    ah ok grazie mille! ti ringrazio per l’informazione…

Commenti