Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

I colori dell’Africa

By pino scaccia | novembre 26, 2008

Di ritorno dal Mali. Tramonto, ieri sera, sul fiume Niger a Moptì. Appena tornato: ancora pieno d’Africa. Cartoline

Comments

comments

Topics: africa | 40 Comments »

40 risposte per “I colori dell’Africa”

  1. Andriiia scrive:
    novembre 26th, 2008 alle 20:04

    E’ stravolgente, vero?
    E il Mali dev’essere stupendo.
    Forse tra poco sarà ancora Africa anche per me..

  2. Ale scrive:
    novembre 26th, 2008 alle 21:06

    Ammetto che mi siete tutti un po’ mancati (non amo particolarmente internet, anche se non sembra quando mi prende a scrivere).
    Poi, tutto questo silenzio da parte tua, suonava non dico proprio preoccupante, giusto un po’, ma insomma strano e vuoto sì.
    Ma allora adesso? Forse sei stanco… capisco, e col mal di Mali :)), ma le tue foto piene di poesia, gli squarci di paesaggi nella silenziosa luce dell’alba o delle magiche notti africane? I racconti? Stanno curando e ridando la vista a quelle persone? Come procede, ci riescono?
    Intanto, Bentornato…! a presto, e un salutino a tutti.

  3. giorgius scrive:
    novembre 26th, 2008 alle 22:54

    [OT] Attacco terroristico multiplo in India

    IBN LIVE Video:
    http://wwitv.com/a1/b1605.asx

    Yahoo Foto:
    http://news.search.yahoo.com/search/news;_ylt=A0WTTkkwwS1JeeoABhjRtDMD;_ylu=
    X3oDMTBhNjRqazhxBHNlYwNzZWFyY2g-?p=mumbai&c=images&ei=UTF-8&fr=&x=wrt

  4. Mariantonietta scrive:
    novembre 26th, 2008 alle 23:48

    Non conosco questa terra se non di nome. L’idea di poterla vedere così, attraverso gli occhi di un altro, mi incuriosisce molto.
    E ,poi, come negare fascino alle immagini al meriggio…

  5. franca scrive:
    novembre 26th, 2008 alle 23:49

    Mamma mia,che gioia.
    Sei ritornato!
    Siamo stati…”spersi”(alla toscana).

  6. pino scaccia scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 00:00

    In alto, altre immagini in “Cartoline dall’Africa”.

  7. Mariantonietta scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 00:05

    Viste.
    Significative e rappresentative foto, non c’è che dire.
    E,poi, ci sono parole come “tuareg” che da sole affabulano.

  8. Ale scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 01:51

    Viste. (grazie). Ma non volevo rompere… – scusa….. – che ci comunicavi eri appena tornato. Vabbè, notte notte.
    -ma del progetto luce pure ci parli? domani?-

  9. CyberMaster scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 08:49

    …favolosa questa foto…
    Un saluto.

  10. ceglieterrestre scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 09:26

    Ben tornato, il blog in silenzio mi metteva tristezza.Bellissima immagine. Se per caso, incontri la fata Meri e il folletto Nasin, un abbraccio, un mazzetto virtuale di fiori profumati di bergamotto da parte mia.Un caro saluto

  11. lorena scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 09:34

    sono tornata ieri , che fatica! ma ho sentito la vostra presenza,grazie ben tornato . belle le foto , vi aggiornarò al più presto un abbraccio caloroso a tutti , vi voglio un gran bene

  12. NICOL scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 10:24

    Eh si!! Mi siete mancati un po’ tutti. Stellaaaa! Capisco che hai altro a cui pensare ma un salutino??? Ciao

  13. Toni scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 10:33

    più che i “colori” del Mali io noto invece, dalle foto di Pino, la miseria in cui vive la gente del Mali. Sono indietro rispetto a noi di qualche secolo.

  14. Carmen scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 10:35

    Ciao Pino! le tue foto trasmettono forti sensazione senza nemmeno parole per descriverle…
    Ciao Nicol! visto che Stella è impegnatissima al momento ti mando i miei saluti…:)

  15. Elena scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 11:38

    L’Africa ti entra dentro e non se ne va più
    Non ho mai visto tanta facilità nell’essere felici e leggeri di vivere come quando sono stata in Africa
    Un mondo completamente diverso, che va compreso prima di giudicarlo

    ps: ma perchè il template è così ballerino?

  16. pino scaccia scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 11:45

    Io vedo bene, ma ho girato la segnalazione.

  17. Mariantonietta scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 11:56

    Ecco, anche Elena non visualizza bene..

  18. Mariantonietta scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 11:57

    Sto notando che i commenti pari ( 2, 4..12, 16) li sposta lateralmente, perchè?
    Elena , tu cosa visualizzi di preciso?

  19. franca scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 12:37

    Toni,perchè almeno una volta,non ti soffermi sulla bellezza del Creato.
    “Dono di Lui e del suo grande Amore”.
    *************************
    Nicol,Ale,Lorena,Ceglie,Carmen etc…
    Un abbraccio.

  20. lorena scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 13:21

    anche io ho dei problemi nel vedere tutta la pagina grazie Franca ti ho pensato

  21. Carmen scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 13:25

    Si anche io non visualizzo bene… i primi commenti vengono coperti di lato dalla colonna azzurra!

  22. Ale scrive:
    novembre 27th, 2008 alle 13:38

    Ma ciaaaaaoooooo!!! franca, :)))))

    (allora non è il mio computer, i commenti interrotti)

  23. Stella scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 00:05

    Ciao Nicol, davvero vi ho un po’ abbandonati, ma comprendetemi…altrimenti mi faccio firmare la giustifica sul libretto dal mio alpino! 😛 Scherzi a parte, a me va tutto bene, questi giorni sono intensi e meravigliosi. Neppure io vedo più bene il blog. Come mai?
    Toni, quando ti viene da scrivere le stupidaggini che finora ho letto in diversi post, fai una cosa: prendi il soprabito e vai a farti una passeggiata, così ci risparmi tante cose inutili. Che l’ Africa sia un continente povero è verissimo, ma non per questo non ha ugualmente bellezze infinite. Poi, sai che ti dico, meglio poveri ma veri che ricchi ma ipocriti!

  24. Stella scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 00:17

    Lorena, com’ è andata con Georges?

  25. Toni scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 10:42

    Nel Mali i colori dell’Africa la gente rischia di non vederli.
    E questa non è una stupidaggine.
    Lo sanno al Fatebenefratelli che hanno organizzato la missione “Ridare la luce”: “progetto che si propone.. di risolvere il problema della cataratta, patologia che colpisce gran parte della popolazione africana riducendola alla cecità… Nell’Africa sub-sahariana, infatti, la cecità… colpisce circa 2 milioni di persone, che non hanno la possibilità di ricorrere alle cure mediche e chirurgiche… patologie degli occhi che in questa area del Continente nero sono favorite da carenza alimentare, acqua non potabile, particolari condizioni climatiche e biologiche” (cfr.
    http://www.afmal.org/ridare_la_luce.htm )

  26. Stefano scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 20:26

    Ricordo quando ero andato in Brasile per un viaggio ed eravamo ospiti di una ONG a Fortaleza(10 anni fa). Ricordo la pesante critica della volontaria (volontaria laica, che lavora con i bambini di strada da ormai 20 anni credo) che diceva che era ridicolo, come era scritto su tanti giornali o pubblicità di viaggi, presentare il Brasile come un posto stupendo, con mare e altri fantastici luoghi. Diceva che è indubbiamante un luogo dal grande calore umano, posti affascinanti, ma che si doveva far vedere l’altra faccia della povertà e del turismo sessuale. Se la prendeva con i turisti che tornavano e presentavano un solo lato del paese.

  27. Ale scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 20:52

    Toni, com’è che sei così saggio e consapevole sull’analisi delle realtà altrui? Lo sapevo che l’Africa è poverissima sai, come ‘intuisco’ altre realtà estremamente drammatiche ormai. Ciò non toglie che certi posti siano meravigliosi come natura, colori, mari, distese di vegetazioni immense, visini tenerissimi… ma tristi. Estremamente seri, di quella serietà di cui sono capaci i bambini quando soffrono… e gli occhi sono due lagune di dolore. Di bambini gonfi e denutriti, o meravigliosi come la bambina della foto, di bellezza rara. O come altri, afghani, tra le foto di Pino, sempre con questi occhi verdi oceano, o intensi e dorati come la sabbia del deserto. O sbarazzini! come il secondo bimbo sul fondo della foto (dietro quello col pancino gonfio). Creature del deserto, della bellezza, della semplicità. Creature, creature!! Smetto, sennò adesso divento patetica. In realtà mi viene da piangere, perchè sono ancora toccata dalla strage in India, che non riesco neanche a commentare. Semplicemente, non ho più parole. Solo angoscia. Appunto per questo mi interessava sapere di quei medici in Africa… o qualsiasi notizia positiva vera… che possa arrivare, di amore… e di umanità. Altrimenti preferisco guardare le foto sì, come fossero quadri, ho bisogno di cose belle, di ritrovare qualcosa di poetico e magico in questa terra mezza distrutta e ferita. E la bambina della foto… è bellissima. Sì.

    Rinnovo i miei saluti a Tutti. Franca… tra le mie preferite, che mi ha pure fatto da ‘mamma’ :))) e ha avuto sempre pensieri dolci per me.
    Ma anche a tutti tutti tutti…a lorena col suo Georges, anche lei ricolma di Amore e coraggio e calore umano, in generale e con me… e tutti gli altri davvero. Non è solo perchè mi sono affezionata. E’ che l’amore e la bellezza ormai sono sempre più irrinunciabili o l’anima muore di astinenza. E… franca, ricordi quando parlavo di anime “aristoteliche” e “platoniche” ? Ecco… questi medici, come tanti bimbi… che sopportano con Coraggio esperienze drammaticissime, ma anche con la vera bellezza… sono così.
    Bacioni, e forza e coraggio a tutti.

  28. Ale scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 21:14

    @ Stefano

    Non ti avevo letto, ma indubbiamente è anche così come dici tu.
    Ripeto: non è ipocrisia. Non è un ‘imbellire’ realtà drammatiche che tutti conoscono bene. Almeno da parte mia, e posso azzardare ‘nostra’. Era un voler restituire dignità e bellezza, nella conoscenza, appunto per non fare come chi torna da una mostra di bellissimi quadri… e dentro… il Nulla. Tutto rimane come prima.
    A livello interiore, nell’anima, tutto ritorna poi nell’indifferenza e freddezza di sentimenti. Capito? La volontaria laica alludeva proprio a questo… secondo me.

  29. franca scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 21:38

    Ale,un grazie per quello che scrivi.Con rinnovato affetto.
    http://www.youtube.com/watch?v=3fCs6UP3auE&feature=related

  30. Ale scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 22:02

    Franca grazie del video… ma devo informarti che non lo vedo! non so che è successo al mio computer da un po’ di tempo ma non vedo più i video, e mi dispiace tanto perchè prima anch’io sentivo tutta la vecchia musica! Battiato poi mi piace tanto! Poi… rivedevo anche ‘vecchie’ conoscenze… che suonavano in gruppi famosi, prima che tutto diventasse questo incubo. Del resto ci sono rimasti i video musicali, rigorosamente retrò… :))) e la Vita, giorno per giorno.
    Ah dimenticavo: e l’affetto… tra noi! :))) Un bacione, grazie però!
    (Prima o poi vinco la pigrizia e porterò a far vedere il computer a qualcuno)

  31. franca scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 22:26

    E’ l’omaggio di Battiato a Baudelaire: “Invito al viaggio”.
    Oggi riascoltandolo,mi sei venuta in mente.Stasera leggo i tuoi affettuosi saluti.Sarò un po’…streghina?

  32. Toni scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:31

    Stefano hai detto sul Brasile le stesse cose che avevo detto in merito al Mali. Eppure mi sono preso un sacco di contumelie. Pazienza. Consoliamoci almeno che tra i colori dell’Africa non ci sia più il rosso.

  33. pino scaccia scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:45

    Ma ti rendi conto come stai messo? A te quel sant’uomo di Bondi ti fa un baffo….

  34. Toni scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:47

    Bondi chi ?

  35. pino scaccia scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:49

    Forse sei te Bondi. Parli come lui.

  36. Ale scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:52

    Ho pochissimo tempo che sono con il mio fidanzato, senza virgolette!! :)))))) ‘trionfo’ momentaneo… Come te che, hai voglia, sei sei sei ‘streghina’…. :)) ma diventata fata, che si immedesima sempre.
    Ti abbraccio, nell’accogliere l’invito!… :-)

  37. Toni scrive:
    novembre 28th, 2008 alle 23:54

    allora sarà lui che parla come me, visto che quando io già parlavo così lui era ancora sull’altra sponda

  38. Stefano scrive:
    novembre 29th, 2008 alle 01:24

    Credo di interpretare gli apprezzamenti sul Mali come terra e gente, non per il resto. Se usassimo i parametri che normalmente usiamo che ne so, con Israele o gli Stati Uniti, certi paesi africani verrebbero letteralmenti fatti a pezzi (da un posto di vista del giudizio che ne uscirebbe). Siamo molte volte abituati a standard elevati per i paesi che si dicono avanzati o democratici(giusto pretendere molto), mentre in un certo senso perdoniamo o nascondiamo delle cose tutt’altro che belle di paesi lontani,magari dittatoriali.

  39. pino scaccia scrive:
    novembre 29th, 2008 alle 01:26

    se è per questo, perdoniamo o nascondiamo anche tante “manchevolezze” delle nostre democrazie

  40. Toni scrive:
    novembre 29th, 2008 alle 11:39

    Pino, il paradiso in terra non esiste, l’occidente è pieno di difetti però, accidenti, come si fa a non essere d’accordo con Stefano: i paesi occidentali hanno espresso una civiltà enormemente superiore. E’ un dato di fatto.

Commenti