Ricerca

Categorie

Link

Archivio di aprile, 2009

« Precedente

Chiedono permesso per i funerali, licenziati

giovedì, 30 aprile 2009

 Hanno chiesto al datore di lavoro di fermare per un’ora la produzione in occasione dei funerali di Stato e del lutto nazionale per le vittime del terremoto in Abruzzo e per questo sono stati licenziati. È successo ai 120 lavoratori della Santa Croce di Canistro, azienda delle acque che ha sede a pochi chilometri di […]

Sotto il diluvio

giovedì, 30 aprile 2009

L’Aquila. Piazza d’Armi, foto di Marina Gambini. Tg1 speciale terremoto

Il lungo abbraccio

martedì, 28 aprile 2009

L’Aquila. Coppito, tra una diretta e l’altra. La telecronaca integrale della visita del Papa in Abruzzo.

Arriva il Papa

lunedì, 27 aprile 2009

L’Aquila. Lo so, vi sto trascurando. Ma in questi giorni non ho tempo neppure per respirare. Chi segue il Tg1 (in tutte le edizioni) sa perchè. E domani arriva il Papa. Diretta su Raiuno a partire dalle 10,40.

Piove sul bagnato

venerdì, 24 aprile 2009

L’Aquila. “Sopra lo cotto, l’acqua bollita” (detto abruzzese). Tv7 in diretta dal terremoto

La terra continua a tremare

giovedì, 23 aprile 2009

L’Aquila. Una scossa forte, soprattutto lunga proprio adesso. Dopo il diluvio.  Tg1 speciale terremoto

Riflettori

mercoledì, 22 aprile 2009

Mi dicono che piove, che fa freddo e che le scosse continuano. Dopo due settimane ho staccato per tre giorni: domattina sarò di nuovo al campo, fra le tende. E’ come ritornare da vecchi amici. So che non sarà facile, ma sento anche che bisogna tornare. L’altra sera, prima di abbandonare piazza d’Armi, una vecchietta […]

Rovine

martedì, 21 aprile 2009

L’Aquila, centro storico. Foto di Fabio Iuliano.

Clown

martedì, 21 aprile 2009

L’Aquila, piazza d’Armi: foto di Moreno Asciutti.

Addio, anzi arrivederci

domenica, 19 aprile 2009

L’Aquila. Stasera lascio il campo: negli occhi quest’immagine, con le tende sotto l’acqua. Dopo due settimane tiro il fiato. Giusto una parentesi, perchè fra tre giorni starò di nuovo qui. E’ stata dura. C’è il bisogno fisico, ma soprattutto psicologico, di ricaricare le batterie. Per raccontare gli sfollati, non bisogna sentirsi sfollato. Il Tg1 delle […]

« Precedente