Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Veleni baresi

By pino scaccia | giugno 26, 2009

Bari. Nota dell’Ansa delle 21.15. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA, NICHI VENDOLA, HA DATO MANDATO AI SUOI LEGALI PER UN ESPOSTO ALLA COMMISSIONE DI VIGILANZA SULLA RAI E PER VALUTARE – E’ DETTO IN UN COMUNICATO – “OGNI ALTRA UTILE AZIONE A TUTELA DELLA SUA IMMAGINE E DI QUELLA DELLA REGIONE IN SEGUITO AL SERVIZIO ANDATO IN ONDA NELL’ULTIMA EDIZIONE DEL TG1? RIGUARDANTE L’INCHIESTA DELLA PROCURA BARESE SULLA SANITA’. IN QUESTA EDIZIONE INFATTI, “IN MANIERA SURRETTIZIA ED ARBITRARIA, VENIVANO ACCOSTATE QUESTIONI TRA DI LORO NON ATTINENTI SIA DAL PUNTO DI VISTA GIUDIZIARIO CHE DA QUELLO DELL’INFORMAZIONE, CAUSANDO GRAVE NOCUMENTO ALL’IMMAGINE DEL PRESIDENTE E DELL’ENTE”.(ANSA).

 Sulla vicenda questa era l’agenzia, sempre Ansa, che aggiornava alle 19.01 (…) L’INCHIESTA DIRETTA DAL SOSTITUTO DELLA DDA DESIRE’ DIGERONIMO CON UNA QUINDICINA DI INDAGATI (TRA CUI L’EX ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA’, ALBERTO TEDESCO, IMPRENDITORI, DIRETTORI GENERALI DI ALCUNE ASL PUGLIESI E DIRIGENTI REGIONALI) SU PRESUNTI ABUSI NELLE FORNITURE DI SERVIZI E PRODOTTI SANITARI. UNA INCHIESTA CHE, A QUANTO SI E’ APPRESO, E’ DESTINATA AD ALLARGARSI E NELL’AMBITO DELLA QUALE IL PM HA CONVOCATO PER IL 6 LUGLIO PROSSIMO, COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI, IL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA, NICHI VENDOLA.

 

Questa la parte del mio testo nel Tg1 delle 20 di stasera riguardante il governatore pugliese.

 “Le indagini principali sono condotte dal sostituto Desiree Digeronimo: venti almeno gli indagati, forse in partenza altri due avvisi di garanzia. E’ stata fissata per il 6 luglio l’audizione come persona informata dei fatti del governatore Niki Vendola che porterà al magistrato i risultati di due indagini interne”.

 

Chiedo: quali sono le differenze? La differenza è una, tra il mio testo e l’agenzia, che io ho sottolineato come Vendola consegnerà i risultati delle indagini interne, allontanando dunque ulteriormente l’idea che possa essere coinvolto. Peraltro la convocazione in Procura è un fatto, non un pettegolezzo.

In quanto alle battute di spirito di qualche giornale, mai e poi mai ho accostato il presidente della regione ad altre vicende, visto che l’accusa è proprio quella di non parlarne. Stiamo al paradosso: di essere addirittura “interpretato” (male).

Visto che ci sono voglio citare un altro passaggio dello stesso lancio dell’Ansa riassuntivo della vicenda. Riguarda l’incendio dell’auto di Barbara Montereale, notizia data nell’edizione di ieri. Lo sottolineo perché ho ricevuto critiche per il finale del mio servizio in cui dicevo che probabilmente l’atto doloso non era legato alle vicende attuali ma poteva essere legato al passato (burrascoso) delle due ragazze (cioè la Montereale e Patrizia D’Addario). Il passato della D’Addario è stato più volte ricordato, ecco cosa scrive l’Ansa stasera sull’altra ragazza.

 IL SOSTITUTO INQUIRENTE, ISABELLA GINEFRA, HA APERTO UN FASCICOLO PER INCENDIO DOLOSO E DISPOSTO ACCERTAMENTI TECNICI. UNA DELLE PISTE POSSIBILI RICONDURREBBE AD UN EX FIDANZATO DELLA RAGAZZA, APPARTENENTE ALLA FAMIGLIA DI UN NOTO BOSS BARESE. LA GIOVANE, PERO’, INTERROGATA AL RIGUARDO DAI CARABINIERI,  HA RISPOSTO: “NON INTENDO PARLARE DEI MIEI FATTI PRIVATI”. A CHI INDAGA SULLA VICENDA, APPARE EVIDENTE LA NON CASUALITA’ DELL’EVENTO RISPETTO ALLE VICENDE DI QUESTI GIORNI.

Si può discutere, accetto critiche, ma per piacere non stravolgiamo tutto, dandomi responsabilità che non ho. Non ho nessuna intenzione di entrare nelle polemiche né di rispondere a certi corsivi al veleno scritti un po’ per spirito di parte e un po’ per gioco dialettico. E’ solo una massacrante bagarre politica,  un esercizio che non mi piace e  da cui mi sono sempre tenuto lontano.

Comments

comments

Topics: veleni&veleni | 21 Comments »

21 risposte per “Veleni baresi”

  1. barbara brunati scrive:
    giugno 26th, 2009 alle 23:05

    E fai bene, Pino, a tenertene lontano, perché già ti trovi in una novella “Foresta dai pugnali volanti”,…Spero solo tu possa presto volare via.

  2. pino scaccia scrive:
    giugno 26th, 2009 alle 23:07

    non vedo l’ora….

  3. Angelo scrive:
    giugno 26th, 2009 alle 23:10

    io sono uno di quelli che ieri aveva mosso una critica sull’uso di avverbi e aggettivi, era scappato un “sicuramente” di troppo forse nella connessione tra l’atto doloso e il passato burrascoso. Poi avevo letto le precisazioni sull’inchiesta dell’Espresso, alla quale però nella sintesi da Bari non era stato fatto riferimento.
    La mia era solo una riflessione sulle parole usate, non mettevo in dubbio assolutamente né onesta intellettuale né capacità giornalistiche. Anzi, se mi ero permesso di intervenire è stato proprio per la stima che nutro. L’articolo di Travaglio, faccio il nome di uno degli autori di corsivi un pò corrosivi, mi è parso di pessimo gusto. Zero ironia, tanto sarcasmo. Non è la stessa cosa.

  4. pino scaccia scrive:
    giugno 26th, 2009 alle 23:16

    il problema, lo ripeto, che è tutto strumentale: questo mi addolora

  5. Angelo scrive:
    giugno 26th, 2009 alle 23:24

    Si sta giocando sul campo barese una partita che è, a quanto pare, a tutto campo.

  6. Arcroyal scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 00:02

    Grazie a Vendola, è una volta di più chiaro chi cerca di intimidire chi. E’ tutto il giorno che piovono minacce di querela su chi cerca di fare onestamente il proprio lavoro.

    Delle inchieste riguardanti la regione Puglia, anche se ci sono fatti certi come la convocazione del presidente della regione in procura, non si dovrebbe parlare altrimenti scatta l’accusa di ‘accostamenti surrettizi ed arbitrari’. Se invece si tratta del ‘pedonano’ come carinamente lo chiamano i Travaglio e i Grillo, è lecita qualunque fantasia. Anzi, se qualcuno cerca di sottrarsi al giochino delle insinuazioni e dei pettegolezzi non provati, scatta l’allarme democratico perchè non ci sarebbe più la completezza dell’informazione e il pluralismo.

    Dopo mesi di campagne scandalistiche finalizzate a distruggere il nemico politico, si è persa ormai qualsiasi coscienza della distinzione tra fatto certo e pettegolezzo, tra prova ed insinuazione, tra fare giornalismo e fare gli scarabei stercorari.

  7. ceglieterrestre scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 06:12

    Mi sono tenuta sempre lontanissiama… preferisco i miei boschi e i miei monti. Fai bene gabbiano a stare lontano, ci si rimette sempre qualche penna, e a te, servono tutte per scrivere.Buon lavoro

  8. Federico scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 08:56

    Veleni baresi è come “guerra tra procure”.
    Mal comune mezzo gaudio.

  9. pino scaccia scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 09:35

    è incredibile come ognuno interpreti….
    veleni baresi riguardava (riguarda) la mia condizione

  10. Robert scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 09:55

    Egregio Scaccia,
    personalmente credo che non sia mai giusto tentare di chiudere la bocca a qualcuno. Soprattutto quando, e lo dico da sinistra, non c’è alcun motivo oggettivo per adire le vie legali. Ha ragione quando afferma che è strumentale, personalmente mii spiace che anche Vendola si presti a questi giochini che non portano da nessuna parte, se non ad un continuo scontro.
    Credo che tutti i punti di vista vadano rispettati e salvaguardati tranno quando scadono in inutili e sterili provocazioni; ciò che mi preoccupa realmente sono le frequentazioni del nostro presidente del Consiglio.
    Le sembra opportuno candidare delle persone solamente per il fatto di averLe conosciute personalmente? A me no.
    Le sembra opportuno candidare delle “persone dal passato burrascoso”? A me no.
    Le sembra corretto utilizzare una residenza di Stato per organizzare festini? A me no.
    E questo senza falsi moralismi. La vita del cittadino Berlusconi non mi interessa, quella del mio presidente del consiglio si.
    La saluto cordialmente

  11. franca scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 10:07

    Dopo aver letto i commenti (anche sotto gli altri post)…

    “La libertà è come l’aria: si vive nell’aria;
    se l’aria è viziata, si soffre;
    se l’aria è insufficiente, si soffoca;
    se l’aria manca si muore…”

    Schiva i colpi,gabbiano,continua a volare alto.

  12. Federico scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 11:07

    Scaccia non risponderà mai a queste domande

  13. Siv scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 11:54

    Per la notizia sulla sanità barese hai ragione al 100%.. che hai detto che non va??
    Prima di tutto non è che hai detto “indagato”, ma “persona informata sui fatti” che è ben altra cosa. E poi, perché non avresti dovuto dare la notizia?
    Ho l’impressione che da qui in avanti, chiunque stia a capo, si senta legittimato ad affermarsi sulla stampa, ed è una cosa che mi sta facendo paura..!

    Mannaggia Pino, ma quand’è che torni? :(

  14. pino scaccia scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 12:02

    aspetto con impazienza il g8, almeno si palerà d’altro (spero)

  15. Iniquo scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 12:31

    Che vergogna la Sua propaganda sulle vicende di sfruttamento ed induzione della prostituzione, che mancanza di professionalità dire che «sicuramente» il rogo dell’auto della escort non è da attribuirsi all’attuale scandalo!
    E` il secondo avviso che arriva a quella donna, il primo è stato quando le hanno messo a soqquadro la casa.
    E poi si mette anche l’autocelebrativa patacca di facebook “Giornalista fuori dal coro”…
    Ci manca solo che da qualche parte compaia la scritta «ho solo obbedito a degli ordini».

    La banalità del male.

  16. pino scaccia scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 13:20

    non contento di mettere lo stesso commento, tipo spam, su facebook il coraggioso iniquo lo ripete anche qui
    non posso che riproporre la stessa risposta

    1. lo dicono i carabinieri, non lo dico io (basta leggere .qui sopra) e lo conferma il magistrato stesso che indaga sul rogo dell’auto
    2. la cosidetta patacca è risultato di un sondaggio, non un’autocelebrazione.
    3. ma che palle bisogna avere per firmarsi con un nick inventato e mettersi un avatar di fantasia: complimenti

  17. giusy scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 16:57

    I grandi sono grandi perchè con le loro parole riescono a dare corpo e forza ai pensieri che bene o male facciamo ma non riusciamo ad esprimere, vuoi per mancanza di forza, vuoi perchè troppo condizionati da chi detiene un qualsiasi potere. I grandi sono grandi perchè le caste dei piccoli tentano sempre di frenarli, di deviarli o oscurarli.

    SEI UN GRANDE PINO…vola Gabbiano lontano da veleni…da polemiche inutili che non hanno nulla a che fare con la tua personalità.

  18. Federico scrive:
    giugno 27th, 2009 alle 23:21

    No Scaccia non è mai stato autocelebrativo. Su Facebook qualche settimana fa circolava questo invito: “Vuoi diventare fan di Pino Scaccia? Sei stato invitato da….. Pino Scaccia!!!”

  19. pino scaccia scrive:
    giugno 28th, 2009 alle 08:42

    accetto tutto ma non le scemenze
    è un fatto tecnico, ma lo devo spiegare? siamo messi proprio male…

  20. barbara brunati scrive:
    giugno 28th, 2009 alle 09:33

    Un gabbiano vola sempre alto. Sono con te, Pino.Con rinnovata e inossidabile stima.

  21. slope scrive:
    luglio 2nd, 2009 alle 16:58

    ..Pino sei grande..!
    a volte non val la pena di rispondere a chi non vuole.. o fa finta di non capire..!!
    è solamente tempo perso.. vai avanti per la tua strada… e grazie..
    è sempre un piacere leggere ciò che scrivi.. e ascoltare ciò che dici..! Non mollare mai..!!

Commenti