Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Enzo e Jerry

By pino scaccia | agosto 23, 2009

Il fumetto (clicca per ingrandirlo) realizzato insieme allo scrittore Sergio Nazzaro, esce oggi a tutta pagina su Liberazione.  Chi si ricorda di Jerry Masslo, ucciso a Villa Literno 20 anni fa? E di Enzo Baldoni? Qualcuno in più, forse. Un fumetto può farli incontrare, mediati da un vero marinaio, prima ancora che guardia costiera. – Maroni non è un mare?– –No Jerry, è una pianura e lì ognuno tira il carro senza voltarsi-.  Mauro Biani

Comments

comments

Topics: baldoni, tribù | 41 Comments »

41 risposte per “Enzo e Jerry”

  1. Meri scrive:
    agosto 23rd, 2009 alle 19:41

    Se non ci fosse Mau isognerebbe inventarlo…. e sarebbe difficile raggiungere il livello dell’originale….

  2. Arcroyal scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 11:19

    Brutti i disegni, pessima la propaganda del solito militante di partito travestito da vignettista.

    Quanto all’autore del testo, l’immaginifico Sergio Nazzaro, sul suo sito non solo straparla de “la corazzata Rai Mediaset e La7″ in minacciosa rotta contro la libera Sky di Rupert Murdoch, ma riesce persino a definire l’Italia come una “sorta di piccola corea del nord (con le minuscole)”. Il fatto che questo delirio ideologico si trovi linkato su uno dei blog del Tg1, è parecchio divertente.

  3. pino scaccia scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 12:32

    forse ti sfugge che a me interessa enzo baldoni

  4. Arcroyal scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 13:18

    Infatti non ce l’avevo con te. Secondo me hai fatto pure bene a linkare il Signor Nazzaro. Magari questo lo aiuta a ritrovare la strada di casa, a capire che non vive in un sobborgo di Pyongyang.

  5. Meri scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 13:46

    C’è chi non può capire….

  6. Ulisse Acquaviva scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 15:30

    Arcroyal tu lo sapevi chi era Jerry Masslo? Si’? Bene, allora quel fumetto non era fatto per te. Indipendentemente dal giudizio soggettivo sui disegni, e dalle idee che puoi avere sull’autore, il messaggio e’ molto preciso: ricordati di un migrante morto in Italia perche’ qualcuno gli ha negato il diritto d’asilo a nome di tutto il popolo italiano, quindi anche a nome mio e tuo. Tutto il resto e’ fumo negli occhi e deviazione dal discorso, e se ti prendi la briga di andare a fare le pulci ai siti degli autori direi che la propaganda non e’ quella di Nazzaro e Biani. Saluti.

  7. Sergio Nazzaro scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 16:36

    Gentile Arcroyal
    (perchè mai non ci si firma con nome e cognome mi rimane un mistero).
    I disegni sono brutti? I gusti non si discutono, bisogna però conoscere il mondo del fumetto, gli stili, prima di poter esprimere un giudizio netto.
    Ma, ripeto i gusti personali sono inattaccabili.
    Delirio ideologico? Beh, provengo da un paese, Mondragone, che dista pochi chilomteri da dove hanno ucciso Jerry Masslo, pochi chilometri da Castelvolturno, dove c’è un fortissimo problema dell’immigrazione. Un intero pezzo di Stato che è terra di nessuno. Eppure non se ne sente parlare così spesso. Ma si fanno ronde, si manda l’esercito e i poliziotti del commissariato di Castelvolturno sono e rimangono senza mezzi.
    Se non fosse per trasmissioni come “Un mondo a colori” nessuno saprebbe nulla. Il documentario “La Domiziana” che spiega bene ciò che succede sul litorale domizio è stato trasmesso alle 23.45 su Rai3. Non tutta la RAI è male, anzi. Ma i veri lavori giornalistici e i bravi giornalisti sono relegati ad un ora molto tarda. Chissà perchè poi, ogni potere vuole che il paese sia lo specchio di feste e feliicità, mentre la gente muore.
    Non definisco SKY terra di libertà, ma non credo che non vi sia in atto un tentativo di accorpare la comunicazione televisiva in Italia.
    Chiedo scusa a Pino Scaccia se mi sono dilungato e al sig. Arcroyal consiglio la visione della BBC per comprendere bene perchè parlo di nord corea con le minuscole, per le maiuscole ci vuole pazienza e meriti.
    Alla fine dei conti i neri vengono ancora sparati al sud, ma apriamo il telegiornale nazionale con il solito “panino”, Baldoni è abbandonato chissà dove, mentre continuiamo a mandare uomini e mezzi. E stasera, sono sicuro, non parlermo nell’informazione italiana di chi soffre per davvero.
    Cordialmente
    Sergio Nazzaro

  8. ceglieterrestre scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 19:29

    Un caro saluto a tutti della torre. E un pensiero d’amore, a chi non c’è più!

  9. Mauro Biani scrive:
    agosto 24th, 2009 alle 21:48

    La gioia più grande: i saluti e i ringraziamenti reciproci con la famiglia di Enzo. Altro che ideologia.

  10. Arcroyal scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 10:43

    @ Ulisse

    Arcroyal tu lo sapevi chi era Jerry Masslo? Si’? Bene, allora quel fumetto non era fatto per te.

    Guarda, anche se volessi, mi sarebbe impossibile sfuggire dalla conoscenza di Jerry. Sponsor la Cgil, è partita da settimane una campagna politica volta a sfruttare quell’omicidio risalente a vent’anni fa per dare addosso al governo in carica. La mossa mi sembra piuttosto demenziale, ma è già pronto un documentario da presentare alla Mostra del Cinema di Venezia, la cui qualità artistica intuisco non inferiore al fumetto pubblicato su Liberazione. L’ennesimo minestrone politically correct che mette insieme tutto e il contrario di tutto per dimostrare che ‘negro è bello’ e che bisogna assolutamente portare l’Africa su da noi.

    il messaggio e’ molto preciso: ricordati di un migrante morto in Italia

    Ah, il messaggio è molto preciso…no, perchè nel fumetto c’è scritto che Jerry sarebbe stato ucciso per derubarlo dei risparmi ( e non vedo cosa c’entri questo con il razzismo, anche se capisco benissimo che nella testa dei Biani e dei Nazzaro tutto fa brodo ), mentre nella presentazione via web del documentario “Il colore delle parole” ci sta scritto che fu ucciso perchè difendeva i più deboli. Forse sarebbe il caso che vi metteste d’accordo prima di mettervi in marcia. Il rischio di far la figura dei cioccolatai in casi come questo è piuttosto alto. A proposito, visto che sei così preciso ed informato, mi sai mica dire se sono stati trovati i colpevoli e se è stato celebrato un processo? Ho qualche dubbio che dalle parti di Villa Literno si aggiri il Ku Klux Klan e vorrei togliermelo.

    perche’ qualcuno gli ha negato il diritto d’asilo a nome di tutto il popolo italiano, quindi anche a nome mio e tuo.

    Chi gli avrebbe negato il diritto d’asilo? Quando si lanciano accuse del genere sarebbe consigliabile mettere in chiaro nomi e cognomi. Tanto più che questa ‘negazione’ sarebbe stata fatta anche a nome mio e non avendo nel 1989 molta dimestichezza con la scheda elettorale, non credevo di avere sul groppone colpe così gravi.

    Tutto il resto e’ fumo negli occhi e deviazione dal discorso

    Fortunatamente non esiste ancora il Pensiero Unico. Quella che per te è una deviazione, per me invece è perfettamente attinente al discorso. Se mi trovo di fronte a un testo che mi risulta greve ed insulso, prima di formulare un giudizio definitivo cerco di sapere qualcosa di più sull’autore. In questo caso è bastato seguire il link messo da Pino, leggere il paragone tra l’Italia e la ‘corea del nord’ ( tutto minuscolo, sia mai ) e avere conferma che Nazzaro ha una certa passione a spararla grossa.

    direi che la propaganda non e’ quella di Nazzaro e Biani

    Dici che la loro non è propaganda? Sarà, ma se si associa il nome di Maroni ad un crimine avvenuto vent’anni fa quando Maroni non era neanche nella Lega Nord e la Lega Nord aveva probabilmente 1 o 2 deputati in parlamento, e se si cerca di far passare l’idea che alla nostra Marina sia stato dato l’ordine di negare aiuto a chi si trova in pericolo di vita, quando invece senza i nostri marinai non si sarebbero neppure salvati quei 5 e non si sarebbe forse avuta notizia di altri morti, ai poveri di spirito come me viene immediatamente l’idea che si tratti di propaganda politica, e della più becera e cretina.

    Saluti anche da parte mia.

  11. Arcroyal scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 11:06

    @ Sergio Nazzaro

    Gentile Arcroyal

    Di solito quando uno in rete – dove dovrebbe essere di prammatica l’uso del tu – sfodera il Lei, memore delle lezioni di Pino a riguardo, sento a pelle come un tentativo di prendere le distanze e di trasmettere ostilità. Nel Suo caso, Signor Nazzaro, non mi pare, e farò uno sforzo ricambiandole la terza persona.

    (perchè mai non ci si firma con nome e cognome mi rimane un mistero)

    Dipende da persona a persona. Nel mio caso, come ho scritto più volte qua sopra nel corso degli anni visto che mi è stato spesso imputato dal padrone di casa, uso Arcroyal fin dai primissimi tempi che mi sono affacciato sul web per giocare, e l’ho continuato ad usare quando ho iniziato 5 anni fa a scrivere sulla Torre. Dal momento che sono un emerito signor nessuno, non ho siti, articoli, libri, professionalità da esibire o pubblicizzare, continuo imperterrito ad usare questo nickname. La mia identità web ormai è questa, e non riesco a trovare una ragione una a cambiarla nel mio nome reale. Se risulta troppo ostico e lungo, può tranquillamente chiamarmi Arc.

    I disegni sono brutti? I gusti non si discutono, bisogna però conoscere il mondo del fumetto, gli stili, prima di poter esprimere un giudizio netto.

    Le dirò francamente che quando ho visto il suo fumetto il primo pensiero è corso ad alcuni fumettacci parecchio spinti, credo risalenti agli anni settanta, trovati in uno scatolone nella soffitta di un amico. La differenza consiste fondamentalmente che quelli, mirando a vellicare gli istinti più bassi, erano molto poco parlati, mentre il suo ha un carico di parole da affondare il Titanic. Comunque, se mi permette, sia Lei che Biani siete ancora parecchio lontani da Goscinny e Uderzo, Hergè e Miyazaki ( i fumetti appartengono da decenni alla cultura popolare, non occorre un master per valutarli e i gusti, come giustamente dice anche Lei, sono molto personali )

    Eppure non se ne sente parlare così spesso.

    Non se ne sente parlare così spesso?? Ma se siamo bombardati tutti i giorni da notizie provenienti dalle sue terre? Gomorra di Saviano è stato celebrato per mesi e mesi in televisione e sui giornali, ci sono stati momenti in cui praticamente non si è parlato d’altro che della Campania e dei suoi problemi, e Lei vorrebbe ancora più spazio? Sinceramente io vorrei persino che la dose quotidiana di informazione fosse diminuita. Ogni volta che arrivano notizie dalle sue parti a me come a moltissimi altri quassù al Nord prende una voglia pazzesca di dare ragione alle richieste di secessione.

    Ma si fanno ronde, si manda l’esercito e i poliziotti del commissariato di Castelvolturno sono e rimangono senza mezzi.

    Ma quando la finirete di dare sempre la colpa allo Stato? Se dalle sue parti manca il senso civico e in tantissimi danno una mano all’illegalità e alla Camorra, la colpa è solo di chi ci vive e pensa solo a sé stesso e ai suoi cari. Dalle mie parti non ho mai visto scendere in strada interi quartieri a dare addosso a poliziotti e carabinieri che stavano arrestando qualche delinquente. Dalle mie parti se qualcuno assume in nero degli extracomunitari, può andare bene il primo giorno, forse il secondo, ma entro una settimana arriva l’ispettorato del lavoro o i carabinieri. Dalle mie parti se un ristoratore si mette a scaricare nel fiume le bottiglie vuote, può farla franca al massimo una o due volte, ma già alla terza qualcuno che lo vede e lo denuncia ai vigili urbani spunta fuori. Fino a quando il Sud si aspetterà la sua salvezza da altri, e sopratutto dallo Stato inteso come entità estranea ed aliena, continuerà a rimanere quello che è. E a proposito di Stato come lo intende Lei, mi pare che negli ultimi mesi si stiano susseguendo gli arresti di appartenenti ai clan camorristici. Forse questo è dovuto anche al fatto che al Viminale siede un politico serio ed onesto come Maroni. Cercare di spacciare come vera l’immagine di volanti e gazzelle ferme sul piazzale per mancanza di benzina è un’altro bello schiaffo alla realtà dei fatti.

    Se non fosse per trasmissioni come “Un mondo a colori” …

    L’immigrazione è forse uno degli argomenti più dibattuti ed indagati della nostra televisione. I telegiornali ne sono pieni. Quello che Lei sostiene è la solita tiritera di chi la televisione non la segue e nutre un sovrano disprezzo verso chi trasmette idee, opinioni, versioni dei fatti diverse o lontane dal suo armamentario ideologico. Se è vero che spesso i programmi di approfondimento vanno in onda molto tardi, da decenni è stata inventato il videoregistratore ed oggi è pure possibile andare su internet a rivedersi tutto quello che si è perso il giorno precedente. Eppure la lagna sulla programmazione notturna prosegue imperterrita nonostante sia un problema superato almeno dagli anni ottanta.

    Non definisco SKY terra di libertà, ma non credo che non vi sia in atto un tentativo di accorpare la comunicazione televisiva in Italia.

    Certo, perchè trasferire alcuni canali dal satellite al digitale equivale ad omologare i contenuti. Un’altra panzana diffusa a piene mani in questi giorni da chi come Repubblica riceve ogni settimana decine di migliaia di euro di pubblicità da Sky e soffre nel vederla perdere dei canali, e quindi degli spettatori. Da decenni in Italia si conducono campagne veementi contro il cosiddetto duopolio Rai-Mediaset ( dimenticandosi magari di citare La7 ). Invece si sente pochissimo parlare del monopolio di Sky sul satellite. Non si capisce perchè la Rai debba contribuire alle fortune di Mister Murdoch. Tanto più adesso che esiste il digitale, sviluppato con il decisivo contributo dello Stato, e la Rai può trasmettere a piacimento da lì. Comunque non è il caso di disperarsi. Ormai Murdoch fa più soldi di Mediaset e saprà fare fronte alla defezione dei canali Rai.

    …al sig. Arcroyal consiglio la visione della BBC per comprendere bene perchè parlo di nord corea con le minuscole, per le maiuscole ci vuole pazienza e meriti.

    Non si preoccupi. La BBC ogni tanto la vedo anch’io, e dopo attento confronto non mi è sembrata affatto meglio della Rai. E per Rai intendo tutti e tre i canali. La varietà di servizi e di versioni offerte dalla nostra televisione pubblica, alla BBC se la sognano. Il suo discorso secondo me vale solo e soltanto per il periodo estivo durante il quale, chissà perchè, l’unica rete che riesca a mantenere un livello informativo adeguato è Rai3, mentre gli altri due canali da giugno, e salvo i telegiornali, vanno praticamente in vacanza. Con tutti i giornalisti a libro paga, non ci dovrebbe essere tutta questa difficoltà a mettere in piedi dei sostituti di Porta a Porta e di Annozero.

    Uno delle cose che meno mi piacciono degli intellettuali meridionali è il loro inguaribile provincialismo. Chissà perchè la BBC o France2 sarebbero dei modelli di informazione, mentre da noi in Italia saremmo a livello della televisione della Corea del Nord. E comunque della Corea del Nord Le consiglierei vivamente di non parlare. Paragonandoci a quel regime sanguinario lei non solo stravolge la realtà del nostro paese, ma offende anche milioni di vittime di quell’orrore comunista. Oltre a far la figura di chi sa poco o nulla di quello che avviene a Pyongyang e dintorni.

    E stasera, sono sicuro, non parlermo nell’informazione italiana di chi soffre per davvero.

    Ma perchè, invece di esibire queste sicurezze, non si prende per una volta la briga di staccare gli occhi dalla BBC e di guardare i canali di cui straparla. Poco dopo queste sue parole, il Tg1 delle 20 ( lo può rivedere sul sito del Tg1 se non mi crede ) ha mandato in onda lunghi servizi sul dramma degli eritrei raccolti dalla nostra Marina, intervistando il Procuratore Capo di Agrigento che ha spiegato che saranno indagati per immigrazione clandestina come prevede quella legge sacrosanta voluta dalla maggioranza degli italiani, ma comunque il tutto è subordinato all’accoglimento della richiesta di asilo politcio. Se viene accolta, l’accusa decade. Il telegiornale si è poi occupato dell’aggressione bestiale ai due ragazzi gay a Roma. E anche qui interviste ed approfondimenti. Come si faccia a dire che la TV non mandi in onda “chi soffre davvero”, lo sa solo Lei, Signor Nazzaro, che vive con delle spesse fette di mortadella ideologica sugli occhi.

    Cordiali saluti anche da parte mia ( se poi vogliamo abolire questo ridicolo Lei, sarà un vero piacere)

    Arc

  12. Arcroyal scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 11:07

    @ Biani

    Tranquillo, Baldoni avrebbe sicuramente apprezzato. Nel 2005 alcune persone che avevano assiduamente frequentato sul web Enzo Baldoni, mi raccontarono che nei mesi precedenti la partenza in Iraq aveva fatto un bel repulisti dalla sua mailing list di tutti quelli che lui giudicava dei vili provocatori, e che in sostanza erano portatori di idee ed opinioni opposte alle sue. Chi votava Forza Italia o Lega sparì senza lasciare traccia. Anche lui aveva messo a marinare la sua intelligenza nel più puro e genuino furore ideologico. Il tuo capolavoro a fumetti sarebbe stato graditissimo.

  13. pino scaccia scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 12:42

    Quest’ultima è una tua idea. Ammesso e non concesso che abbia cancellato qualcuno dalla lista bisogna vedere perchè, cioè dove arrivavano le “provocazioni”. Ne so qualcosa (e lo sai anche te).
    Ho parlato molte ore con lui, ho anche discusso a lungo di tutto, aveva sicuramente opinioni precise ma ho conosciuto pochissime persone tolleranti e aperte come Baldoni.

  14. Meri scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 13:14

    http://lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com/2009/08/jerry-enzo-e-la-legge-del-mare-di-sergio-nazzaro-e-mauro-biani.html

    Brutta cosa l’arroganza dell’ignorante che forma la sua opinione sulle persone basandosi sul “sentito dire” e sul “dicunt”.

  15. Arcroyal scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 15:29

    ho conosciuto pochissime persone tolleranti e aperte come Baldoni.

    Lo pensavo anch’io dopo aver letto qualche suo pensiero. Poi un giorno, in seguito ad una tua qualche censura sulla vecchia Torre, paragonai il tuo modo di gestire il blog con quello di Baldoni, facendo notare che pur avendo idee simili vi comportavate in maniera molto diversa con chi aveva convinzioni opposte alle vostre. E suscitai una viva ilarità nelle mie interlocutrici che avevano frequentato entrambi i blog. Mi raccontarono che anche da Baldoni c’erano state discussioni al calor bianco seguite dall’espulsione dei ‘dissidenti’. Tra l’altro uno degli espulsi le mie interlocutrici lo avevano voluto incontrare in real perchè, pur avendo opinioni politiche per loro abominevoli, lo avevano comunque trovato simpatico ed erano rimaste sorprese e dispiaciute dell’allontanamento. Certo l’espulso non era un troll che si divertiva a piantare casino.
    Può essere che mi siano state raccontate delle gran balle ma non ne vedo il motivo visto che chi me l’ha raccontato condivideva le idee politiche di Baldoni e continuava a manifestare un grande rimpianto per la sua scomparsa.
    Non mi sembra poi una cosa così fuori dal mondo. Sappiamo bene entrambi che quando si vanno a toccare certi temi come pace/guerra o migranti/clandestini, gli animi si scaldano ed è praticamente impossibile discutere serenamente tra persone che hanno visioni così inconciliabili del mondo. E’facile dimostrarsi tolleranti e aperti quando si parla con persone con cui si condivide molto se non tutto. Molto più difficile continuare ad esserlo con chi è portatore di idee che vanno ad urticare le nostre convinzioni più profonde.

  16. pipistro scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 19:43

    tolleranti e aperte …
    pino, spesso è come parlar di pane a chi ha dimostrato di non aver denti.
    un abbraccio.
    ^^v^^

  17. Meri scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 21:56

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/caserta/notizie/cronaca/2009/25-agosto-2009/masslo-cercava-lavoro-ma-trovo-morte–1601699186539.shtml

    (articolo con video……consigliata la visione)

  18. Meri scrive:
    agosto 25th, 2009 alle 22:04

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/caserta/notizie/cronaca/2009/25-agosto-2009/masslo-cercava-lavoro-ma-trovo-morte–1601699186539.shtml

    (articolo del Corriere del Mezzogiorno, con video e vignetta di Mau e Nazzaro linkata sopra il titolo, consigliata la visione)

  19. Giorgius scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 17:16

    [OT] In formazione nell’Atlantico la tempesta tropicale “Danny”…

    LIVE Storm:
    http://giorgius.ilcannocchiale.it/2009/08/26/uragani.html

  20. Andres Rodrigo Lopez scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 17:49

    Sono uno degli amministratori della Lista fondata da Enzo.
    Vorrei evitare che oltre alle stronzate scritte da Farina & C. durante il suo rapimento passasse inosservata anche questa detta da Arcroyal. Le ideologie politiche che anche hanno scatenato discussioni memorabili tanto da spingere Enzo ed altri ad aprire in periodi di elezioni una lista parallela di servizio dedicata alle discussioni politiche senza disturbare coloro i quali non erano interessati, non sono mai state motivo di epurazioni di alcun tipo.
    Tra gli amministratori e tra gli iscritti c’e’ dal leghista al comunista.
    Zepol

  21. Arcroyal scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 20:25

    Senti “Visione Consigliata”, ma tu che mi rinfacci di basarmi sul ‘sentito dire’ e sul ‘dicunt’, Enzo Baldoni l’hai mai frequentato in real o sul web? Dato che ti sei fatta ritrarre dal vignettaro di fiducia insieme a lui ed il disegno è stato esibito come se foste amici di lunga data, ne deduco che a differenza di me miserabile parli per conoscenza diretta, giusto?

  22. Arcroyal scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 21:06

    @ Andres Rodrigo Lopez

    Ho riportato quella “stronzata” non solo perchè ritengo attendibile chi me l’aveva raccontata, ma anche perchè avevo avuto un riscontro significativo. Quando 5 anni fa Baldoni fu rapito e ucciso molti di coloro che lo frequentavano su internet vennero qui sulla Torre. Tra loro c’erano diverse persone intelligenti e simpatiche, ma non ce n’era manco una che votasse Berlusconi o Bossi o che nutrisse simpatia per gli americani e per Bush.

    Visti i suoi amici, continuo a pensare che Enzo Baldoni fosse sì intelligente, ironico e anche coraggioso, ma credo poco alla sua tolleranza e alla sua apertura verso chi aveva opinioni diametralmente opposte. Del resto, lo ripeto, erano ( e sono ) tempi di guerra, e questo accentua le differenze, ognuno tende a ‘stare’ con la sua parte.

    Tu mi confermi che le discussioni furibonde ci sono state, ma neghi le espulsioni. Se permetti continuo ad avere qualche dubbio perchè non ho ancora visto nessuno dell’altra parte testimoniare questa sua tolleranza estrema. Mi piacerebbe davvero conoscere qualcuno che l’abbia frequentato fino all’ultimo e che oggi voti il Caimano o sostenga la giustezza della guerra in Iraq. Pronto a rimangiarmi tutte le mie impressioni e di togliere la fiducia a chi mi ha parlato di epurazioni.

    Un’ultima cosa. Evidentemente condivido molte delle cose che Feltri e Farina di solito scrivono, ma quando si scagliarono contro Baldoni non mi sembrò che la loro descrizione di Enzo corrispondesse alla realtà. L’avevo visto in televisione leggere il comunicato dei terroristi e mi aveva colpito il tono spavaldo e noncurante delle sue parole, un atteggiamento così diverso da tanti altri, anche soldati, finiti nelle mani dei tagliagole e che ne erano terrorizzati. Per capire e saperne qualcosa in più andai in rete e mi trovai a leggere la Torre. Era la prima volta nella mia vita che entravo in un blog. Oggi più che mai credo che le parole di “Farina & C.” fossero sciaguratamente sbagliate, e che Baldoni non meritasse la fine che ha fatto.

  23. pipistro scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 23:16

    Non si è persa l’abitudine di buttar tutto in propaganda e in provocazione, vedo.
    La “visibiità” è una calamita insuperabile.

    (NDR – Intervengo – e qui mi fermo – superando il senso di nausea indotto dalla squallida attualità che da tempo ci viene propinata come il migliore dei mondi possibili).

  24. Meri scrive:
    agosto 26th, 2009 alle 23:44

    Senta Lei, Arc de Triomphe, visti l’arroganza, la presunzione e il mediocre sarcasmo che esprime e le sue argomentazioni rispetto alla figura di Enzo Baldoni , certamente lo conoscevo meglio di Lei.

  25. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 01:39

    @ Pipistro

    Ehilà, vedo con piacere che hai ritrovato la parola. In un post sotto avevo letto preoccupato un tuo commento fatto solo di parentesi e puntini, e mi ero chiesto con ansia cosa mai ti stesse capitando.

    Visto che hai superato l’afasia, se permetti ne approfitto per togliermi una curiosità. Ecco, a proposito della “visibilità”, quando Pino è stato mandato a seguire il Barigate e qui sulla Torre di propaganda e di provocazioni ce n’era un’alluvione, non ti si è proprio visto. E la cosa è risultata particolarmente sorprendente vista l’intrepida lotta che da anni conduci contro gli abominevoli troll. Proprio quando qui se n’è scatenata un’orda quale non s’era mai vista prima, e sul titolare piovevano insulti ed offese inaudite, tu non c’eri. Eri forse impegnato a scrivere qualche altra bella letterina ad Ahmadinejad per complimentarti per la straordinaria abilità con cui ha sventato l’ennesimo complotto sionista?

  26. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 01:53

    @ “Consigliata la Visione”

    certamente lo conoscevo meglio di Lei

    Nella mia infinita presunzione ed arroganza ti rifaccio la domanda visto che non hai risposto. Ma tu Baldoni lo hai mai conosciuto direttamente? Da come ti atteggi da anni sembrate essere stati amicissimi. Mi pare davvero impossibile che parli pure tu per “sentito dire” e per “dicunt”.

    ( Ah…nell’ultimo link che hai consigliato ieri, si vede solo la pubblicità a degli pneumatici. Ti sei messa pure a fare la gommista e ci consigli di venire a fare il cambio gomme da te? Altrimenti verrebbe quasi da pensare che neppure tu guardi i link che ogni tanto ci mitragli addosso )

  27. Stefano Guidi scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 08:27

    Accontento il signor Arcroyal il quale dice che gli “piacerebbe conoscere qualcuno che abbia frequentato Enzo fino all’ultimo e che oggi voti il Caimano o sostenga la giustezza della guerra in Iraq”.

    Lo accontento in parte perchè io non voto il Caimano e non sostengo la giustezza della guerra in Iraq, però sono uno degli amministratori della lista fondata da Enzo, lo sono diventato su sua richiesta e questo a dispetto del fatto che sapesse perfettamente che (quale orrore!) avevo, ed ho, in tasca la tessera di militante della Lega Nord già dal 1993.

    In numerose discussioni nella mail list ed in quelle parallele che venivano aperte in occasione di tornate elettorali, ho avuto modo di esprimere le mie idee. Enzo non mi ha mai attaccato, nonostante fossero spessissimo divergenti dalle sue, e, anzi, quando qualcuno, soprattutto nuovi arrivati, esprimeva meraviglia per la presenza del sottoscritto in quanto leghista, ha sempre risposto dicendo, in sintesi, che nella lista c’è posto per tutte le idee basta che vengano espresse senza insultare quelle degli altri.

    Basta questa testimonianza od è necessario che vada a spulciare tra i circa 200.000 messaggi presenti nell’archivio della Zonker Zone per rintracciare alcuni messaggi a supporto?

  28. pino scaccia scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 09:47

    Scusa Arc, ma di mestiere che fai: il provocatore? O è solo un hobby?

  29. nupi scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 10:49

    Arc -emerito sconosciuto buon per noi-è satollo ( ripeto) di livore che scarica qua e là…
    P.S.
    I piccioni son volati via…chissà…
    tant’è!!

  30. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 11:10

    @ Stefano Guidi

    Mi fa davvero piacere leggere quello che hai scritto. Mi confermi la prima impressione che avevo ricavato dalla lettura di alcuni scritti di Baldoni 5 anni fa. Poi c’era stata appunto una discussione sul modo di amministrare la Vecchia Torre da parte di Pino e la mailing list da parte di Baldoni, e alcune iscritte alla ml mi avevano fatto notare che le due ‘politiche’ non erano così diverse. Il fatto di non aver mai letto qui sulla Torre o in giro per il web commenti di simpatizzanti di Forza Italia o della Lega che testimoniassero l’apertura mentale e la tolleranza di Baldoni, mi avevano indotto a credere che ci fosse del vero in quanto riferitomi. Mannaggia a me, per una volta che avevo dato credito a dei ‘sinistri’.

    A questo punto ritiro quel riferimento all’intelligenza di Baldoni messa a marinare ‘nel più puro e genuino furore ideologico’ che avevo scritto nel commento a Biani. A differenza di troppi altri, lui almeno non aveva alzato steccati così alti da impedirgli di frequentare gli ‘alieni’ e di tenere conto delle loro ragioni.

    L’archivio della Zonker Zone è accessibile a tutti? Mi piacerebbe molto leggere alcune delle vostre discussioni.

  31. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 11:14

    @ Pino

    Come ho già precisato circa un migliaio di volte, tutto quello che scrivo corrisponde esattamente a ciò che penso. Se tu e i Guardiani del Tempio li trovate così tremendamente provocatori, è un problema vostro, non mio.

  32. pino scaccia scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 12:43

    Ci sono dei limiti, dettati dall’intelligenza e dal buonsenso. Sei capace di polemizzare non solo con quello che si scrive (ed è sacrosanto), ma anche con quello che NOn si scrive. Ti scagli anche contro il silenzio. E questa non è la giusta rivendicazione delle proprie opinioni, ma pura provocazione.
    Anch’io, come sai, dico sempre quello che penso.E anch’io sono stufo di ripetere sempre le stesse cose, per esempio la storiella dei guardiani. Questo non è un tempio e comunque sono solo, solissimo. E rispondo solo di me stesso.

  33. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 13:19

    Ci sono silenzi che sono pesanti e molto significativi. Tanto più quando arrivano da commentatori che da anni si comportano sulla Torre come se ne fossero i guardiani e le portinaie. Non appena compare qualcuno che anche solo accenna un dissenso dalle tue opinioni o dai Culti qui praticati ( quello a Baldoni purtroppo qua sopra da diverso tempo assomiglia a un Culto istituzionalizzato che non ammette opinioni difformi all’ortodossia ), si mettono immediatamente a gridare al “troll provocatore propagandista”, ad urlare “veleno, veleno, veleno” oppure ad appendere vignette con raffigurazioni mostruose.

    Poi se si risponde a tono, arrivi immancabilmente tu che dici: ” Ecco, vedi che sei un provocatore? “. Qua sotto ce n’è l’ennesimo esempio. Fino ad un certo punto c’è uno scambio anche duro di opinioni. Poi sono ricomparsi i soliti noti non a discutere, ma a ripetere le tradizionali litanie cariche di indignazione e sdegno.

    Chissà come mai però quando di ‘provocatori’ qualche settimana fa ne sono arrivati a decine e si sono messi a ripetere a pappagallo le crocifissioni di cui eri oggetto su certi giornali, guardiani e portinaie sono scomparsi. Manco una parola. Eppure sei stato lapidato sia come persona sia come professionista. Avrebbero dovuto balzare su come tigri a difenderti. Invece nulla. Scomparsi. Erano tutti al mare o malati?

    Visto che hanno ricominciato con anatemi e commiserazioni, se permetti, gli rinfaccio anche i silenzi, non per ‘pura provocazione’ ma per sottolinearne quello che secondo me è il loro spessore umano. Quando c’è da dare addosso ad un singolo commentatore molesto, leoni. Quando c’è l’orda di contestatori, conigli e struzzi.

    ( del fatto che adesso sei “solo, solissimo” nella gestione del blog sono assolutamente convinto, ma c’è stato un tempo e un’altra Torre in cui non era così…Baldoni come amministratore della Mailing list si era scelto un iscritto alla Lega Nord, meglio non dire qual’è l’opinione corrente sull’identità del ‘fantasmino’ collaboratore che ti eri scelto tu )

  34. Arcroyal scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 13:25

    @ Nupi

    Scusa cara, essendo impegnato qua sopra in discussioni un pò più serie, non sono ancora tornato su in piccionaia a discorrere con te di “pietas” e di ignoranza.

  35. pino scaccia scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 13:36

    Purtroppo non riesci a staccarti da quello che, se permetti, è il tuo grande difetto: ne fai sempre una questione seria, anzi fondamentale. Sono una decina d’anni di blog, tante cose sono cambiate e cambiano. Anche te spesso sparisci e poi torni. Sicuramente, te lo garantisco, non sento proprio il bisogno di avvocati difensori.
    Nonostante, talvolta, le apparenze io non sto da una parte oppure dall’altra. Sto semplcemente dalla mia. Sono un acerrimo avversario (culturale) della Lega ma al tempo stesso difendo l’assalto strumentale e ormai patetico a Berlusconi, sono profondamente contro le guerre ma ritengo una stronzata andare via dall’Afghanistan, eccetera. In un’epoca in cui ci si muove a schieramenti, sembro un mostro. E forse lo sono.

  36. nupi scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 15:35

    @Arcroyal
    sono contenta che tu sia in faccende più serie affaccendato/a…
    a dire il vero,pensavo fossi in piccionaia per prepararti a spiccare il volo…
    Tanti epiteti in pochi giorni non li avevo mai ricevuti.
    saluti,la portinaia nupi
    ahahahahahah

  37. Meri scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 16:01

    Arcroyal, visto che rispondere alle domande si dice sia un esercizio di cortesia, la razione della suddetta che meriti, alla luce del tuo tono e delle tue parole, l’hai già avuta.
    Quest’ultima è una gentile concessione.

  38. Meri scrive:
    agosto 27th, 2009 alle 17:37

    Ah, ultimo intervento di servizio, approposito del link, caro il mio Arcroyal spiritosone, se fai attenzione, purtroppo nel mio commento #18 c’è stato un disguido, cioè l’ultima parte dell’URL non è attiva per problemi, suppongo, nel copia e incolla.
    Le soluzioni potrebbero essere tre:
    1) O lo copi e lo incolli per intero nella barra degli indirizzi.
    2) O vai al commento #17 dove il link è attivo e funzionante.
    3) Oppure passi oltre e ti occupi di cose che tu riterrai certo più interessanti.

  39. lorena scrive:
    agosto 29th, 2009 alle 10:46

    E’ interessante il discorso che Acroyal fa sulla televisione pubblica , sopratutto il paragrafo che riguarda il mantenimento degli ascolti su Rai tre nei mesi estivi, sembra che gli utenti delle altre reti vadano in massa in vacanza , così infatti sarà, chi non può andare in vacanza , cerca di ascoltare una televisione che rispecchi ai loro occhi la verità su questa nostra società divisa , in questo modo si sentoni capite nei loro bisogni, vedere Rai 1 che molti giorni fa lunghe tiritere sulle vacanze degli italiani è difficile seguire per i molti che non possono neppure pensarle.
    Comunque certi giornali di DX troppo fango hanno versato su Baldoni,
    ma anche non conoscendolo provavo repulsione su quello che veinva detto, ora che capisco meglio ancora di più provo dolore.
    le leggi ultime sulla espulsione degli immigrati mi fanno male , sono leggi contro l’uomo, e l’uomo per chi crede è sempre uguale al Suo cospetto , ogni uomo in quanto nato ha diritto di vivere, mangiare, avere la possibilità di accudire alla sua famiglia e bene fa se parte e va a cercarlo, parte solo , senza armi dotato solo della voglia di riscattarsi, non è una colpa nascere in un paese poverissimo o in guerra, se vogliamo impedirne l’esodo cerchiamo di investire in infrastutture nei loro paesi di origine, bloccando gli aiuti ha chi investe in armi, come facciamo ora con la Libia , dobbiamo lavorare sui governi perchè operino bene , non facendo leggi contro l’UOMO

  40. Sissi scrive:
    agosto 29th, 2009 alle 12:49

    Non conoscevo Baldoni, nè di nome nè di fatto, nè di persona nè in rete, neanche all’epoca del rapimento e notizie ai tg ( si è capito che sto sempre un po’ fuori dal mondo ) dunque mi sembrava ipocrita rilasciare partecipazioni che avrebbero avuto una valenza puramente formale. Trattandosi di uno stretto amico di Pino, infatti, mi era sembrata una dolorosa commemorazione stante alla sua sfera emotiva privata, con relativi e commossi omaggi dei conoscenti più stretti, più che una discussione ‘nazionale’ o ‘istituzionale’.
    Certo dalle foto e dagli scritti, mi arriva l’immagine di un giornalista coraggioso, dotato di quella bellissima e intrepida ‘follia’ che tutti amiamo, dal sorriso buono… e luminoso. E continuo a pensare che veramente nella vita l’importante è… Incontrarsi.

    Comunque, vista l’estensione del discorso – e che, a quanto pare, dai banchetti invocati intorno a un pagano altare.. ‘mi’ si è invece congelata la Torre… – provo a ragionare sulle impressioni ricevute e a cercare di capirci tutti, sempre, in omaggio all’utopia di Pino :))
    Ho già detto più volte che non sopporto la “colorazione” di un fatto tanto drammatico quanto universale come la Morte. Il Rispetto… già fondamentale per ogni rapporto civile nella Vita, ora dovrebbe riconoscersi dotato di qualità spirituali, Bello… come un’entità angelica, allegro e festoso come una pasqua di rose… tra pensieri e ricordi pieni di amore – che, a mio parere sempre, era ciò che avrebbe desiderato anche Pino. Mentre per alcuni, perfino la Morte diventa invece un simbolo, un vessillo, una ‘bandiera’ da esibire, rivendicare, idolatrare, “schierare”, il che ha un Senso per non dimenticare ciò che di valoroso si è compiuto nella vita, o ciò che di bello e buono c’era in quella persona, ma un po’ meno quando diventa un ‘vessillo’ nell'”ordine di interessi”. Tito, che non conosco, mi scuserà, ma credo che da qui sia scaturita tutta la terribile ironia di Arcroyal… ( che peraltro per me è quasi sacra, la preferisco sicuramente all’orgoglio che ritengo il più grande muro, il più invalicabile, per l’amore e la verità ). Arcroyal… che non ha offeso nessuno, secondo me, nè oltraggiato Baldoni, nè preteso “ragion di stato” chiedendo, altresì, di dissipare alcuni dubbi, leciti quando dall’altra parte non vi sia orgoglio, e per i quali ho apprezzato tanto la risposta lineare e sincera di Stefano Guidi, quanto il riconoscimento di Arcroyal stesso nella valutazione di parole “sciagurate” da parte di persone affini. ( sì lo so che mi sto dilungando, ma sto cercando proprio di far chiarezza perfino a me stessa e inoltre vorrei trovare una logica a certe conflittualità ancora irrisolvibili ). Sempre che da parte sua, al contrario di ciò che si augurava lui con me in qualche post fa, sia davvero pura e affilata ironia… verso l’ ideologia, e non il ruolo di chi, provocando, sperimenta la determinazione dell’altro col fine di accrescerne lo spirito ‘militante’ – il che sarebbe solo l’altra parte della stessa medaglia.

    Mentre l’unica cosa che mi fa un po’ sorridere (amaramente) pur nell’ingenuità di pensiero, è l’ipotesi di una strumentalizzazione di Jerry Masslo : se è abbastanza ovvio che tutti ma proprio tutti i politicanti cerchino di sensibilizzare i governi in corso sui temi che gli sono più a cuore ( o farebbero altro nella vita ) non lo sarebbe altrettanto andare a ripescare un episodio accaduto più di vent’anni fa con tutto l’avvilente “imbarazzo della scelta” di casi molto più attuali. Può darsi che il documentario per la Mostra di Venezia non sia qualitativamente artistico ma è sicuramente di contenuti mai risolti, a prescindere dai nomi.
    Al riguardo: ‘ A Brescia dal 2003, Clandestino chiede e ottiene il Rimpatrio in Senegal ‘.
    “Sono stanco di vivere in Italia, stanco di vivere così”. S.A. senegalese di 39 anni, nel nostro Paese dal 2003, si è autodenunciato agli agenti della Questura Brescia. Era arrivato con il sogno di un lavoro e di una vita normale, ma da tempo viveva per strada davanti a un palazzo in via Raffaello. “Non ce la faccio più a
    continuare così” ha spiegato agli agenti. Pochi oggetti personali chiusi in una valigia che portava sempre con sè, si è arreso alle difficoltà e ai numerosi esposti dei condomini dello stabile, indispettiti per la sua presenza. Così ieri, l’uomo con nessun precedente penale, si è fatto identificare. In serata si è imbarcato per il Senegal”… (notizia letta su yahoo, della quale naturalmente non ho informazioni approfondite, vi dico ciò che leggo, sempre, questo lo devo sempre specificare trattandosi di fatti riportati e che non conosco ).

    Mi chiedo come non ci si possa commuovere e riscoprire i nostri cuori. Mi chiedo, al di là delle soluzioni pratiche che probabilmente nessuno è troppo in grado di trovare, come non si possa ricominciare a cercare un’ unità innanzitutto dentro se stessi… per ricreare quella italiana, europea, universale. Questo succede anche perchè ci siamo completamente dimenticati di un’essenza spirituale… mentre quella razionale ci divora pure l’anima.
    Ci saranno sempre Uomini che operano in nome della Bellezza, ai quali va tutta la mia più profonda e sacra Gratitudine… ma Dostoevskij, sempre per rispondere ad Arcroyal, aveva espresso il concetto a modo suo: “Tutti abbiamo colpa di tutto”.
    Preferisco solo sostituire la parola ‘colpa’, e l’annesso concetto punitivo che stanca e non perdona, con “Responsabilità”.
    Sperando che non sia troppo tardi.

  41. lorena scrive:
    agosto 29th, 2009 alle 19:57

    @Sissi mi hai commossa , con le tue parole,la tua intelligenza, mi piace leggerti grazie della chiarezza

Commenti