Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

C’è ancora il piacere di scrivere

By pino scaccia | aprile 7, 2010

Promuovere talenti attraverso la valorizzazione della lingua italiana, realizzare un laboratorio per giovani autori, creare uno spazio letterario autorevole nel panorama delle iniziative culturali nazionali e locali: sono queste le premesse da cui è nato il Premio nazionale di poesia e narrativa “Alberoandronico”. La terza edizione sarà celebrata domattina, giovedì, alle 11 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio. Assegnati riconoscimenti a coloro che, tra i 621 partecipanti, si sono distinti nelle sezioni a tema libero (poesia, sillogi, narrativa, libri editi, dialetto) o in quelle dedicate alla città, al cinema, al mare e allo sport. La rassegna assume ogni anno sempre più carattere internazionale: a questa edizione hanno partecipato scrittori e poeti provenienti, oltre che da tutte le province italiane e da molti Paesi europei, anche dall’Argentina, dal Brasile, dal Perù, dalla Russia e dagli Stati Uniti, dal Congo e da altri paesi africani, che hanno rigorosamente redatto le opere in italiano.  “Gli elaborati – sottolinea il presidente dell’associazione Pino Acquafredda – rimandano ad un’Italia e ad una società ben diverse dagli stereotipi ai quali siamo abituati: non ci sono solo gli sms o le chat. Le opere testimoniano l’esistenza di una dimensione all’interno della quale le persone amano raccontarsi, andare alla ricerca di nuove forme di comunicazione, di espressione e di scrittura, con un arricchimento emotivo e linguistico “circolare”: per chi le scrive, per chi le legge e per chi e ha  studiate e valutate”. Premio AlberoAndronico

Comments

comments

Topics: tribù | 13 Comments »

13 risposte per “C’è ancora il piacere di scrivere”

  1. ceglie scrive:
    aprile 7th, 2010 alle 18:17

    Ciao gabbiano, io sapevo che la cerimonia è alle ore 16, mi puoi confermare? grazie

  2. pino scaccia scrive:
    aprile 8th, 2010 alle 10:03

    è alle 11

  3. ceglie scrive:
    aprile 8th, 2010 alle 10:43

    grazie ormai non faccio in tempo.Ciao

  4. ceglie scrive:
    aprile 8th, 2010 alle 10:49

    è veramente strano questo appuntamento, da Pino Acquafredda su FB e su “Albero Andronico” c’è ancora scritto alle 16. Ma che qualche folleto mi sta facendo un dispetto?;)

  5. ceglie scrive:
    aprile 9th, 2010 alle 10:03

    All’appuntamento delle h.11, sono arrivata con un taxi alle h.12,20, perciò con un po’ di ritardo, per l’appuntamento delle h.16 in anticipo. Comunque grazie! è stata una giornata da non dimenticare. Il museo capitolino sistemato, l’ho trovato bellissimo, ricco di radici antiche. Il panorama di Roma dalle terrazze imponente. Grazie Gabbiano, per aver segnalato sul tuo blog due anni indietro, il bando, oggi ho conosciuto un’ altro mondo reale.
    PS
    Mentre guardavo il panorama della:”città eterna”, il grido, un bel gabbiano appollaiato sul cornicione mi ha distratto la vista, l’ho immortalato e mi gridava gridava. E ogni tanto nascondeva la testa sotto l’ala destra, facendo finta di fare toilette, continuava a… ride, me so dimannata: “ Ma che se ride sto gabbiano?” Scusame se te faccio sta libbertà, faccio per parlà, nu ma risposto, a fatto solo un po’ de gridi e poi, co du gridi è volato verso er fiume.Ciao Gabbià

  6. ceglie scrive:
    aprile 10th, 2010 alle 01:10

    La cecagna

    A Gabbià!
    la corpa de sto sbajo
    e solo de li fusi orari
    e de l’ora legale.
    Oppuro che te devo di
    nu lo so!
    Però se sto sbajo
    me lo faceva er mi regazzo
    lo facevo restà fora de casa
    e lo punìvo:
    a panzanèlla(pane)
    inzuppàta a la funtana
    pe’ ‘n anno bòno.
    Faccio rimissione!
    Sortanto pe via che fài bene
    er tu travàjo.
    Scusa si te scrivo
    ma la sera
    ‘nu m’arrivà la cecagna.
    Vabbé bona notte!!

    franca bassi

  7. ceglie scrive:
    aprile 10th, 2010 alle 12:55

    Si! E’ un grande piacere, leggere e scrivere! Per me è come una cura, ogni volta che lo faccio mi ritrovo, e delicatamente, dalla mia mente, spariscono le negatività, è come vomitare sul foglio le angosce, e la mia anima torna pura! Sto vivendo, una vita strana, piena di crudeltà, ma cerco di sorridere e vedere il mio bicchiere sempre più pieno. Scrivo e lo faccio, anche se, ci sono sbagli, è sempre meglio, che prendere delle medicine per dormire, poi quando qualcuno, me dirà: ”Falla finita co’ ste storie!” Smetterò de scrive e m’aritiro. Oggi, non ha più importanza, non devo fare un romanzo importante, per scrivere un: “best seller” dovrei rinasce e vivere una vita differente, e con l’ esperienza di oggi, siccome sono solo, “utopie”, mi accontento, e, scrivo lo stesso! Caro gabbiano, la nostra generazione, sta percorrendo un lungo viale con rovi e pieno di buche, comunque, penso che ogni epoca, ha avuto le sue violenze e le sue pecche! Spero un giorno, quando arriverò in fondo al viale, di incontrare la vera “Giustizia!” Un caro saluto e scusami se faccio commenti troppo lunghi. Ciao;)

    La Giustizzia

    Un Cane da pastore, cupo cupo,
    doppo d’avé citato un vecchio lupo
    pe’ via d’un’aggressione,
    se presentò davanti ar Re Leone.
    -Maestà,-je disse-‘sto Lupaccio vile
    voleva entrà pe’ forza nell’ovile,
    però siccome je l’ho impedito,
    lui m’è sartato addòsso e m’ha ferito,
    e pe’ le gran ferite che m’ha fatto
    io me credevo de morì sull’atto.
    Dunque, seconno voi, chi cià raggione?
    -Naturalmente te -fece al Leone-
    ma dato, Cane mio, che nun sei mòrto,
    da la raggione sei passato ar torto!

    Natale Polci

  8. ceglie scrive:
    aprile 11th, 2010 alle 11:33

    Parole

    Ce so parole e parole!
    Quele che se scriveno co’ er còre
    antre che se scriveno de prèscia
    eppoi le parole speciali
    so trasparenti nu le vedi
    ma le sentì!
    T’ entràno drénto l’arma
    e t’ ariempìno er còre.

    franca bassi

  9. mariella scrive:
    aprile 12th, 2010 alle 13:04

    Infatti con te…vivo in Italia quando ti leggo ceglie sei speciale…
    Con voi che raccontate meravigliosamente…si ha la speranza di continuare a vivere nella realta della vita’…esperienze emozioni sensazioni vere viste e vissute…tanta gioia e grazie dell’articolo

  10. Giorgius scrive:
    aprile 13th, 2010 alle 10:15

    [OT] Insolito oggetto luminoso “stazionario” sopra la Valle del Pescara – I video su Roma e Napoli di inizio Aprile…

    Video:
    Pescara: http://www.youtube.com/user/IntelligenceAstro
    Roma: http://www.youtube.com/watch?v=CNSya-uOTlE
    Napoli: http://www.youtube.com/watch?v=50PshudVapc

  11. ceglie scrive:
    aprile 13th, 2010 alle 14:09

    Ciao Giogius, grazie per i video io seguo un blog interessante e tutti i giorni ci aggiorna.Anzi io sono diventata anche amica degli Extraterrestri, e scrivo molto su di loro, credo che ci osservano da moltissimi secoli.

    Er bionno tevere

    Su la riva de fiume
    ce so du sorci extraterrestri
    che se sciacquàno e risciacquàno.
    Una se chiama Rosetta
    e l’antro sorcio Giggètto.
    mentre la sora Rosetta
    se sciaquettà je dice
    a su marito:
    “Anvedi Giggè
    ‘sta matina la zèlla a galla che c’è sta?”
    A Rosé falla finita
    sciaquatè bene
    e fa’ finta che semo a sciaquettà
    ar mare azzuro de Ostia!
    Vabbé vabbè Giggè
    mo famo finta!

    franca bassi

    Cratura celeste. 

    Sei dorcissima
    cratura arrivàta da le stelle.
    Portami co’ te
    pe’ vede’ er celo
    er tuttoquanto er creato.
    Sei bellissima!!
    L’occhi tui
    so spicchi de celo
    portame via co’ te
    cratura de le stelle.
    Riccontame istésso se ama
    tra le stelle.
    Qui su la tera ce so solo le guere
    se so scordati
    che è bello volesse bbene.
    Portame via co’ te
    cratura de le stelle.

    franca bassi

    Uffi ripiccosi (dispettosi)

    St’ Uffi so ficcanasi!
    So secoli che se fanno véde.
    Giràno pe’ li celi de la tera.
    Ruzzàno istèsso ‘n giocherello
    annisconnìjo su le nùvole
    eppoi danno ‘n’accelerata
    e sparìscono pe’ l’aria.
    Sapete che me passà pe la ménte?
    Che sti Uffo ‘Nu se fermeno
    pe’ pavura che je famo
    la bua su la tera.

    franca bassi

  12. Giorgius scrive:
    aprile 14th, 2010 alle 08:20

    Ciao Ceglie,

    la mia opinione sulle sfere luminose è differente dall’ipotesi generale di classificarli come UFO. Di sicuro, questa forma di vita energetica è presente nei confini dello spazio intorno alla Terra da tempo immemore…

  13. Giorgius scrive:
    aprile 17th, 2010 alle 09:29

    [OT OVNI 2010] Taxco, Messico, città turistica famosa per le sfere luminose filmabili a poche centinaia di metri dalle abitazioni…

    Info Taxco Wikipedia:
    http://es.wikipedia.org/wiki/Taxco_de_Alarc%C3%B3n

    Video:
    http://www.youtube.com/watch?v=AsAfcJHCpGA
    http://www.youtube.com/watch?v=V3Hece2oRdE
    http://www.youtube.com/watch?v=SCiB9QaxERI
    http://www.youtube.com/watch?v=G8ffWFk8a40

    Report by Ana Luisa Cid:
    http://analuisacid.com/?p=6038

Commenti