Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Quando non c’era l’inferno

By pino scaccia | maggio 16, 2010

In questi giorni infernali per la Thailandia, mi capita spesso di ripensare alle contraddizioni di Bangkok, capitale contemporaneamente della trasgressione e della sacralità. Eravamo nei dintorni del Natale e c’erano due pezzi distinti e contrastanti di popolazione: chi si ubriacava con i lustrini della festa pagana e chi aspettava almeno i resti, per sopravvivere. Ma qualcosa di forte univa tutti ed era la voglia di pregare, una “passione” che noi neppure immaginiamo. Preghiere e sorrisi, una maniera di uscire comunque dal tunnel. Vorrei star lì adesso per capire se i morti, la rabbia, l’odio, insomma l’inferno può annullare almeno qualcuna di quelle devastanti contraddizioni.

Comments

comments

Topics: thailandia | 3 Comments »

3 risposte per “Quando non c’era l’inferno”

  1. ceglie scrive:
    maggio 16th, 2010 alle 20:11

    In quale lembo ti terra c’è la pace?Si muore ancora per la sete, per fame per le violenze, si muore per uno straccio di finta libertà! Sono molto, molto arrabbiata, e mi limito ,vorrei gridare come uno scaricatore di porto, urlare tante parolacce.Scusami gabbiano, anche la mia ombra s’è stufata!!

  2. ceglie scrive:
    maggio 17th, 2010 alle 09:28

    Come posso lasciarti gli auguri questa mattina, mi dispiace caro gabbiano non ci riesco, a te non servono tante parole servono i fatti, mi sento impotente, non posso cambiare le cose, e per questo mi sento troppo male. Questa mattina altri due giovani hanno perso la vita, ti prego non chiamiamoli più “Eroi” sono ancora morti dei giovani.
    Ogni volta che vedo la ginestra in fiore, il mio ricordo va, agli ultimi quattro ragazzi morti, e in quel periodo la ginestra era in fiore. Oggi ai bordi delle strade la ginestra ha iniziato a colorare le colline, sono andata a Lubriano, ho visto la sua tomba, solo la sua immagine sorride, tutto intorno è fine! Conosco la disperazione il dolore di quella madre e dei parenti, dimmi gabbiano a cosa servono gli Eroi di questa mattina?

  3. pino scaccia scrive:
    maggio 20th, 2010 alle 15:37

    Il Central World di Bangkok, il centro commerciale piu’ grande della Thailandia, non c’e’ piu': dato alle fiamme dopo gli scontri di ieri, l’edificio ha ceduto nel mezzo e dovra’ essere demolito. E’ di proprieta’ della terza famiglia piu’ ricca del paese e – destino – fino ai primi anni del duemila si chiamava World Trade Center.

    Questa foto è stata scattata proprio lì davanti.

Commenti