Ricerca

Categorie

Link

Archivio di giugno, 2010

« Precedente

Il sogno di “Ibi”

martedì, 29 giugno 2010

“Ibi” è ormai italiana, anche se ha la pelle scura di chi è nato in Africa. Ibtissam Ayad ha soli ventun anni, si è appena sposata e vuole diventare pasticcera. Ibi ama l’Italia che pure le ha tolto tutto, in una notte tragica di un anno fa. Abitava con la famiglia, originaria del Marocco, in […]

La strage impunita

sabato, 26 giugno 2010

Si fa fatica a inserire la strage di Ustica fra i misteri italiani. Sicuramente è una storia allucinante di silenzi, depistaggi e bugie, quasi una gara fra i servizi segreti di tutto il mondo per mischiare la verità. Si è partiti con la prima grande bugia, affidando a un cedimento strutturale la causa della tragedia. […]

La paura dei fantasmi

venerdì, 25 giugno 2010

    L’hanno fatto di notte, per timore di contestazioni. La protesta è arrivata comunque stamattina, quando un gruppo di irrimediabili nostalgici si è accorto che non c’era più la statua di Stalin. Non è successo in una città qualsiasi, ma a Gori dove il dittatore sovietico è nato. La guerra lampo ma velenosissima di […]

La storia di Aya

mercoledì, 23 giugno 2010

(…) Rimase ferma ad osservare, stropicciando i piedi scottati dal calore della sabbia, poi si alzò sulle punte per guardar meglio oltre la siepe profumata che la nascondeva. Vide altri bambini che giocavano ridendo e, come gattini, si nascondevano, per poi sgattaiolare fuori dai nascondigli e rincorrersi. Le sembrò che tutta la bontà e la […]

Metti insieme cento giornalisti

domenica, 20 giugno 2010

Metti insieme un centinaio di giornalisti, che oltretutto si conoscono da tempo, ed è scontato il risultato, però divertente. Prima fase: si parla male di tutti quelli che non ci sono. Dura poco, perchè è troppo facile, così si passa ben presto alla fase due: parlare male di quelli che ci sono, ma in quel […]

Una bimba vestita d’azzurro

martedì, 15 giugno 2010

Lettera dall’Afghanistan. Stamattina sono stato in un orfanotrofio. Immaginavo questo posto, conoscendo un pò l’Afghanistan, quale un posto triste tetro come e peggio si può immaginare un orfanotrofio di metà ottocento dei racconti alla Oliver Twist… e invece! All’aprirsi del cancello ci accolgono in un piccolo giardino ben curato, con fiori e alberi di eucalipto. […]

Il vecchio cronista

lunedì, 14 giugno 2010

L’ultima volta l’ho visto tre anni fa, per la sua festa dei novanta in una di quelle famose “merende” sarde in cui cominci a mangiare presto e finisci quando ormai è buio. C’era pure Graziano Mesina che gli ha regalato una penna “per continuare a scrivere”. E Mario Zappadu ha continuato praticamente a scrivere fino […]

Il soldato e il bambino

domenica, 13 giugno 2010

La foto della seconda guerra mondiale, pubblicata nel post precedente, mi ha stimolato i ricordi. Sono così andato a frugare tra le migliaia di immagini scattate in questi anni in Afghanistan. Ne ho trovata una che somiglia straordinariamente a quella della campagna di Russia, un soldato con i capelli bianchi che dà da mangiare ai […]

Italiani brava gente

venerdì, 11 giugno 2010

“Caro Pino, t’invio un mio piccolo lavoro. Spero lo leggerai (e che ti piaccia). Non sono un giornalista, la sintassi lascia a desiderare. L’ho riguardato in velocità, ci saranno errori grammaticali. E’ prolisso, difetto di sintesi quando vorrei dire tante cose tutte insieme. Pazienza. Un caro saluto Alpino e un grande grazie per quanto hai […]

Quando si uccidono anche i sogni

giovedì, 10 giugno 2010

Sergio aveva solo quindici anni, un ragazzino, anche se dalle sue parti si diventa presto adulti. Voleva scappare dalla miseria e dall’inferno dei narcos che in un anno hanno massacrato più di mille persone nel suo paesino gonfio di droga. Si era infilato in un canale artificiale che da Ciudad Juarez porta a El Paso, […]

« Precedente