Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Vivere sotto terra

By pino scaccia | ottobre 10, 2010

Ognuno ha i suoi incubi. Io ho quello di restare sotto terra, l’ho sempre avuto. Per anni ho seguito da vicino le avventure dello speleonauta, mio grande amico Maurizio Montalbini e poi della sua allieva Cristina “Kicca” Lanzoni. Per infilarmi nelle grotte di Frasassi, cinquecento metri dentro le viscere della terra,  o nelle caverne di Carlsbad, nel New Mexico, cento metri sotto, mi sono dovuto violentare: ero letteralmente terrorizzato. Per spiegare la tragedia degli operai sepolti in Cile, ieri Tg2 storie ha mandato in onda un’intervista proprio a Kicca. Lei è stata nove mesi fuori del mondo e ne parla come di una conquista, soprattutto in rapporto a se stessi. Penso molto a quei trentatrè disgraziati di San Josè, a come si sentono, e prego che l’operazione recupero riesca, ormai è questione di poco. Probabilmente si sentiranno rinascere, non è un modo di dire: come una resurrezione, una seconda vita.

Comments

comments

Topics: persone | 1 Comment »

Una risposta per “Vivere sotto terra”

  1. Laura scrive:
    ottobre 17th, 2010 alle 18:06

    Sì, proprio una seconda vita, Pino!
    33 sono scesi e 33 sono ritornati alla luce del sole, ad abbracciare i loro cari!
    Questa volta è andata veramente bene, ma purtroppo in Cina non andrà così…
    Mi tornano alla mente i superstiti malati e minati dal lavoro in miniera della Sardegna, a quanti non sono più risaliti vivi!
    Per un fortuito caso persino l’attore sardo Tiberio Murgia,recentemente scomparso, deve la vita proprio ad una donna sposata che corteggiava, altrimenti sarebbe stato uno dei tanti poveri minatori della strage di Marcinelle(non ricordo se si scriva così)!
    Vivere sotto terra, per garantire una decorosa vita ai propri cari, a scapito della salute e della stessa vita…
    Ciao a te, Pino,buona serata!

Commenti