Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Gli intoccabili

By pino scaccia | febbraio 1, 2011

I cronisti giudiziari sanno, fin da bambini, che l’unico sistema per avere le carte è aspettare che le passi qualche magistrato amico (o il suo ufficio). Se pensate che il registro degli indagati è coperto dal segreto istruttorio mi dovete spiegare come fanno a uscire sui giornali anticipazioni spesso ignote agli stessi indagati. Insomma, è un antico sistema per sparare pubblicamente accuse specie quando gli elementi probatori sono scarsi e si punta sulla grancassa mediatica. Va tutto bene finchè a essere toccati non sono loro stessi, cioè i magistrati. La signora Ilda Boccassini, quando si indagò sulla sua vita privata, si scagliò come una paladina a favore della privacy personale smentendo la sua fama di pm “senza se e senza ma”. Nell’ultima inchiesta ha messo sotto controllo praticamente mezza Italia, ma appena un giornale ha ricordato la sua vicenda amorosa cos’è successo? Che la giornalista che ha pubblicato quel remake è stata perquisita in merito a un presunto abuso d’ufficio (l’incartamento usciva dal Csm), è stato sequestrato il computer suo e quello del figlio, buttata all’aria la redazione del quotidiano con una tempestività degna di miglior causa, come si diceva una volta. Non entro nel merito della questione, ma certo questa velocità quando si sfiora uno di loro conferma che l’ultima reale casta del Paese è quella dei togati, che credono di potersi permettere tutto, sopra chiunque. Come divinità. E addirittura si sentono in diritto di rivendicare la propria intoccabilità. Con la scusa di difendere la libertà intaccano l’unica autentica libertà che è quella della stampa.

Comments

comments

Topics: malagiustizia | 4 Comments »

4 risposte per “Gli intoccabili”

  1. Giovanni Farzati scrive:
    febbraio 1st, 2011 alle 22:28

    Magistrati all’attacco, chi li tocca, guai, giusto come dici sulle soffiate, ho fatto anche io il cronista di nera, ma avevo un sistema tutto mio, cercavo non il magistrato amico ma la notizia in più..non sempre funzionava, credo che l’Italia sia matura per capire che l’unica soluzione è quella voluta anche dai padri costituenti, l’immunità parlamentare per le più alte cariche dello Stato, serve alla politica, di qualsiasi colore, altrimenti siamo sempre punto e a capo, aggiungo, separazione delle carriere, anche i Magistrati responsabili per le azioni che compiono; su Berluscon, non è un Santo, ma la giustizia in Italia non funziona; quando una vera riforma della giustizia??

  2. al scrive:
    febbraio 8th, 2011 alle 10:34

    pienamente d’accordo col post di scaccia.

  3. antonio scrive:
    febbraio 12th, 2011 alle 15:20

    Hai ragione Pino. Purtroppo dall’altra parte c’è la casta dei politici che crede di poter agire al di fuori delle regole – quelle della costituzione e delle leggi – che valgono soltanto per i sudditi.
    Così può accadere, ad esempio, che un uomo sorpreso in auto , appartato con una ragazza minorenne in atteggiamenti osceni, dovrà rispondere ai giudici dei suoi atti.
    Un uomo politico può invece frequentare ragazzine sedicenni a cui consegna denaro a fine serata; può abusare del suo potere intervenendo in questura per far rilasciare una sua conoscente minorenne; può tenere rapporti con ragazze compagne di spacciatori di droga, che hanno corsia preferenziale e posteggio riservato nel cortile della prefettura; può mettere le sue favorite in parlamento e nei consigli regionali, lasciando col dubbio i cittadini, che pagano il loro stipendio, se il compenso sia dovuto per l’attività svolta a favore della comunità o quella notturna del “bunga-bunga” col benefattore.
    L’uomo politico può altresì controllare mezzi di comunicazione e giornalisti al suo servizio così da mentire spudoratamente ai cittadini. Può addirittura paragonare il sistema giudiziario del suo paese a quella della ex-DDR e – prontamente – la TV pubblica cambia il suo palinsesto e trasmette il film “la vita degli altri” per renderne concretante l’idea agli spettatori.
    Pino, ma questa casta dei politici non ti crea po’ di fastidio?

  4. pino scaccia scrive:
    febbraio 12th, 2011 alle 16:12

    A me danno fastidio tutte le caste. Cioè tutti gli intoccabili.

Commenti