Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Torno subito

By pino scaccia | maggio 17, 2011

Allora. Ci ho pensato molto in questi giorni, ma non so da dove cominciare. Potrei divagare facilmente affidandomi al volo libero di un gabbiano (affacciatevi di sotto). Lo inseguivo da tempo e non può essere casuale che l’abbia incontrato proprio oggi da vicino e che finalmente mi abbia regalato una piroetta, a questo punto storica: e sto per spiegare perchè. Ho inseguito per una vita gabbiani in tutto il mondo, fino a Bengasi, l’ultima frontiera conosciuta. Già, ci siamo. Il fatto è che stanotte mi “smagnetizzano” come mi sfotte un amico…  Insomma il 17 maggio 2011 per me è il fine corsa. E quel gabbiano che vola sopra Saxa dev’essere segno del destino. Dipende dalle interpretazioni: posso essere io che saluto oppure che resto a controllare dall’alto la “mia” Rai.  Quanti giorni sono trentadue anni? E quante ore? Sicuramente un’infinità. Trentadue anni, quasi tutti al Tg1, passati attraverso grandi cambiamenti del mondo che ho avuto il privilegio di seguire da testimone diretto e di raccontarli, un pò come stare dentro la Storia e questo mi sembra ancora un sogno. Ho cambiato tredici direttori (diciotto, se contiamo le “repliche”), di ogni colore carattere e predisposizione professionale, e ho l’orgoglio di averli alla fine conquistati tutti. Se posso lasciare un piccolissimo testimone ai giovani è tutto in questa lezione: il lavoro, quello duro senza scorciatoie, poi alla fine è quello che paga realmente. Non mi sono fatto mancare niente: sono passato dalla pellicola al digitale attraverso tutto il percorso dell’elettronica. Mi sono tolto ogni sfizio: conduzione, telecronache, “line” ma soprattutto inviato, felicemente prigioniero di un ruolo esaltante per chi come me da ragazzo sognava di scrivere e viaggiare.  Non vivo di ricordi, e comunque qualcosa è riassunta in un vecchio post. Diciamo che comincia una nuova vita e in qualche maniera è un ritorno al passato poichè mi sono rimesso a scrivere libri: uno è appena uscito per la casa editrice di famiglia (Rai Eri), un altro sta per uscire sulla Libia. Il piacere della parola lo sviluppo ormai da anni anche qui, sul web. E’ la fantastica realtà attuale che permette di non troncare un rapporto, ma di mantenerlo finchè … si ha inchiostro nel calamaio. Per questo, vi chiedo di seguirmi nella prosecuzione di questo blog: la nuova Torre di Babele che sta all’indirizzo linkato. Anche i commenti a questo post lasciateli là che da domani sarà la mia nuova casa. Lascio tanti amici al Tg1 (e alla Rai) e anche qualche nemico. Li saluto tutti, senza far nomi perchè sono troppi, soprattutto gli amici. Dagli ultimi compagni di banco, quelli della redazione Speciali, ho ricevuto un regalo stratosferico che spero di meritare: un documentario sui miei vent’anni da inviato di frontiera (andrà in onda quest’estate). Vuol dire che forse qualcosa ho combinato. Sulla porta della mia stanza ho lasciato il cartello “Torno subito“. Mi sono affrettato a chiarire: non è una minaccia. (Avete notato che sono riuscito ad evitare la parola pensione?)

Comments

comments

Topics: tribù | 8 Comments »

8 risposte per “Torno subito”

  1. Torno subito | Pino Scaccia scrive:
    maggio 17th, 2011 alle 00:54

    […] Lettera per un trasloco. […]

  2. annarita scrive:
    maggio 17th, 2011 alle 08:20

    Oltre ci sia solo aria pulita e acqua fresca!
    Buona vita.
    Annarita

  3. pino scaccia scrive:
    maggio 17th, 2011 alle 21:56

    Oggi in bacheca ho lasciato questa lettera.

    Agli amici del Tg1

    Dopo trentadue anni, stanotte mi “smagnetizzano”. Chi mi conosce da vicino sa che odio i formalismi e che non sono capace di metter giù frasi decenti di commiato. Ma le parole non servono, trentadue anni sono una vita che ho avuto il privilegio di passare qui, con emozioni talvolta indescrivibili, girando e raccontando il mondo tante volte, fino alla fine, con lo stesso entusiasmo con il quale sono approdato fortunatamente a quella che resta la più grande testata televisiva nazionale.
    Non vivrò di ricordi, ho già tanti impegni in cantiere, diciamo che comincia una nuova fase. Sul sito stamattina ho pubblicato la foto di un gabbiano che vola sopra Saxa Rubra. In campana: quel gabbiano è un vecchio inviato che sentimentalmente non ha nessuna intenzione di mollarvi e che tiferà sempre per voi.
    Un abbraccio a tutti, ma proprio a tutti.

    Pino Scaccia

    (Forse tornerò per una piccola festa. Ma prima datemi il tempo di riprendere la mia libertà).

    Roma, 17 maggio 2011

  4. Attilio Pancioni scrive:
    novembre 2nd, 2011 alle 10:45

    Caro Pino, sei stato grande anche nel commiato: semplice ma ricco di umanità e, il che non guasta. di autoironia. Ovviamente, un giornalista non va mai in pensione, specialmente se – come te – ha alle spalle una carriera straordinariamente ricca di esperienze in tutto il mondo, e tantissimi ricordi da raccontare.
    Un grande, fraterno abbraccio da Attilio Pancioni, Ancona

  5. Un anno fa | La Torre di Babele scrive:
    maggio 17th, 2012 alle 15:37

    […] Anno I d.r.  Torno subito […]

  6. Un anno fa « La Torre di Babele scrive:
    maggio 19th, 2012 alle 21:17

    […] I d.r.  Torno subito Like this:Mi piaceBe the first to like this […]

  7. Finchè c’è inchiostro nel calamaio | La Torre di Babele scrive:
    maggio 16th, 2013 alle 21:52

    […] c’è il gabbiano citato. Di quella piccola festa, che poi c’è stata, ricordo brindisi e cioccolate, abbracci, […]

  8. Finchè c'è inchiostro nel calamaio | La Torre di Babele scrive:
    maggio 17th, 2014 alle 18:01

    […]  Dai, non è male come vita. Finchè c’è inchiostro nel calamaio. […]

Commenti