Ricerca

Categorie

Link


« | Main | »

Un altro amico che se ne va

By pino scaccia | settembre 20, 2013

Incidente mortale sul Gra all’altezza dello svincolo della Magliana, in carreggiata interna. Un’auto ed una moto si sono infatti scontrate. A perdere la vita il motociclista.

6

Una notiziola, due righe fra le brevi. Poi scopri che il motociclista è un amico. E che il destino talvolta è proprio infame. Maurizio Cirilli l’avevo rivisto proprio l’altro pomeriggio per la sua grande festa di addio alla Rai. Dopo tanti tentennamenti aveva deciso di accettare il prepensionamento: una decisione sofferta e ha chiesto a me come si vive da “smagnetizzati”. L’ho rassicurato: era così pieno di energia che non avrebbe avuto difficoltà a trovarsi qualcosa da fare. E invece non ha avuto neppure il tempo di imbastire progetti. Ci divideva il tifo e ogni lunedì era immancabile lo sfottò. Maurizio non era un volto noto, quindi questo ricordo è molto privato. Dopo una carriera da (grande) operatore al Tg2 era passato al Tg1 come vicecaporedattore della segreteria di redazione. Insomma, non lo vedevate ma lui stava sempre alle nostre spalle. Aveva talmente tanti amici che lo studio 3, per i saluti, era strapieno. Vorrei dire tante altre cose, ma ci tengo a ricordare un’altra battuta, appena ci siamo rivisti: “Ahò, ci vediamo sempre ai funerali. Almeno stavolta ci vediamo per una festa”. Purtroppo ora ci rivedremo tutti all’ennesimo funerale: il suo. Non è giusto.

[Una settimana dopo, per l’addio, eravamo gli stessi. Anche di più.]

Comments

comments

Topics: persone | 6 Comments »

6 risposte per “Un altro amico che se ne va”

  1. elisabetta adami da udine scrive:
    settembre 20th, 2013 alle 16:59

    Un abbraccio a tutti voi da parte di una utente RAI, la grande famiglia RAI, noi vediamo la “cima” della montagna ma prima di arrivarci… c’è un sacco di strada-gente a cui dire grazie… e una di queste è Maurizio Cirilli.

  2. pino scaccia scrive:
    settembre 20th, 2013 alle 18:28

    grazie, a nome di tutti: specie di quelli che non conoscete e che sono preziosissimi

  3. Emilio scrive:
    settembre 20th, 2013 alle 21:39

    Non lo conoscevo, ma inevitabilmente ho usufruito anche io del suo lavoro, guardando i Tg. Mi spiace molto, leggo che era molto benvoluto. Un abbraccio a tutti voi, fa davvero rabbia, e’ stata un’estate maledetta per molti colleghi.

  4. marco scrive:
    settembre 20th, 2013 alle 22:08

    gent.mo Pino, hai ragione, non è giusto. Ma nei video mi sembrava comunque felice, soddisfatto della strada fatta. Il questo momento così tragico (e da padre penso in particolare alla sua famiglia), mi auguro che abbia avuto il tempo di realizzare gran parte dei sogni che aveva da ragazzino. Un abbraccio con tutto il cuore.

  5. DANIELE scrive:
    settembre 21st, 2013 alle 11:06

    Certe notizie fanno sempre male per lo più se ti ci trovi e stai in fila sul raccordo e passi sul luogo dell’incidente e vedi un telo steso sotto il quale non sai chi si trova ma sicuramente a casa ci sono persone che soffriranno per la notizia che da lì a poco gli arriverà. Ciao Maurizio

  6. franca scrive:
    settembre 25th, 2013 alle 15:27

    Lasciare la vita sulla strada deve essere tremendo. Mi dispiace anche se non lo conoscevo.

Commenti